Voglio fare il vaccino Covid: come prenotare e dove andare?

Laura Pellegrini

24 Dicembre 2020 - 09:58

24 Dicembre 2020 - 10:50

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dove e come fare il vaccino per il Covid in Italia appena sarà disponibile? Il Governo potrebbe introdurre un’app per effettuare le prenotazioni e monitorare i richiami. Le cose da sapere per chi vuole vaccinarsi.

Voglio fare il vaccino Covid: come prenotare e dove andare?

Il 27 dicembre 2020 parte la campagna vaccinazioni contro il Covid-19 in molti Paesi europei, tra cui l’Italia, e sono in tanti a chiedersi già come fare per ricevere il vaccino, dove andare e a chi rivolgersi per prenotare la propria dose.

La prima cosa da sapere è che a ricevere il vaccino con priorità saranno medici, personale sanitario, ospiti delle Rsa, anziani e persone più fragili. Per arrivare a vaccinare l’intera popolazione italiana dovrebbe volerci quasi un anno.

Secondo il Piano Vaccini, comunque, il Governo dovrebbe mettere a disposizione dei cittadini un’applicazione per gestire le nuove vaccinazioni, le prenotazioni e i richiami. Questo progetto potrebbe essere condiviso anche a livello europeo.

Ma se un cittadino che non rientra tra le persone richiamate per fare il vaccino volesse prenotarsi, è possibile? Cosa si può fare? Qui le informazioni utili.

Vaccino Covid: quando si può fare?

Come ha riferito anche Nicola Magrini, direttore generale dell’AIFA (Agenzia italiana del Farmaco), le prime dosi di vaccino contro il coronavirus saranno riservate a medici, infermieri, personale sanitario e ospiti delle Rsa. La prima italiana a vaccinarsi, infatti, è un’infermiera dell’ospedale Lazzaro Spallanzani.

«Si inizierà domenica (27 dicembre ndr.) con un gruppo limitato di operatori sanitari. Poi saranno tutti gli operatori sanitari, circa un milione, nel mese di gennaio, ad essere vaccinati. Quindi le persone nelle Rsa, per un analogo volume di popolazione. Successivamente le popolazioni a rischio, anziani o soggetti con specifiche patologie», ha detto Magrini.

«In questa prima fase ma anche per le fasi successive, per i primi 2 o 3 mesi, il vaccino sarà coordinato e somministrato attraverso la struttura commissariale e le Regioni», ha aggiunto ancora Magrini.

Ma se una persona che non è stata chiamata vuole fare il vaccino, come può prenotarsi?

Vaccino Covid, è possibile prenotarsi?

Le prime dosi di vaccino che arriveranno in Italia saranno quella di Pfizer-BioNTech, poi quelle di Moderna e infine le dosi di Astra Zeneca. Dapprima si procederà a inviare i richiami alle persone da vaccinare, mentre soltanto in seguito si potranno ricevere le prenotazioni dei cittadini.

I primi a vaccinarsi, come detto, saranno gli operatori sanitari, gli ospiti delle Rsa, gli anziani over 80 e le persone con gravi patologie. «Per i prossimi mesi, dunque, non ci sarà un meccanismo di prenotazione ma di chiamata», ha chiarito il direttore generale dell’Aifa.

Quando tutte le persone con priorità risulteranno vaccinate, però, si potrà prenotarsi tramite un’applicazione o chiamando un numero verde. «La prenotazione è effettuata contemporaneamente per le due date di vaccinazione», si specifica, oltre a ricordare che per ogni vaccinazione vanno somministrate due dosi di vaccino. Nel momento della prenotazione, inoltre, andranno comunicati tutti i dati necessari per poter snellire le accettazioni.

Cosa portare con sé per il vaccino e dove andare

Una volta effettuata la prenotazione per il vaccino Covid, occorrerà presentarsi la giornata stessa muniti di carta di identità o di altro documento di identità in corso di validità. Il vaccino verrà eseguito da un medico, da un infermiere e successivamente anche dai medici di base.

Dopo aver effettuato la somministrazione, infine, occorrerà rispettare un periodo di sorveglianza durante il quale si possano monitorare gli effetti della dose e durante il quale, in caso di reazione, il medico possa prontamente intervenire.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories