Venezuela, Maduro alza i salari: lavoratori prenderanno meno di €5 al mese

Per salvare il Venezuela dal baratro, Nicolas Maduro ha scelto di toccare nuovamente i salari minimi dei lavoratori. Il punto della situazione.

Venezuela, Maduro alza i salari: lavoratori prenderanno meno di €5 al mese

Il Venezuela e la sua crisi di nuovo al centro delle discussioni internazionali.

A far riflettere, ancora una volta, è stata la decisione del presidente Nicolas Maduro di alzare (per l’ennesima volta) il salario minimo dei lavoratori.

L’incremento del 58% non ha particolarmente entusiasmato la popolazione, ormai stremata da quella recessione economica che si è presto tramutata in vera e propria emergenza umanitaria. L’aumento dei salari in Venezuela sta continuando a fallire nel tentativo di tenere il passo con l’iperinflazione, con l’ormai inutile bolivar e con una crisi finanziaria senza precedenti. Sono le cifre a parlare.

Venezuela: tutti i numeri della crisi

All’aumento del 58% dei salari minimi, Nicolas Maduro ha accompagnato anche un incremento addizionale del 67% sui sussidi per i beni alimentari. Le ultime mosse del presidente hanno permesso allo stipendio di un venezuelano di salire su quota 1.307,646 bolivar al mese, che corrispondono a circa 6,13 dollari (poco meno di 5 euro) stando ai tassi correnti.

Numeri, questi, che ben evidenziano come la scelta di aumentare i salari minimi sia sempre ben accetta ma ormai poco efficace. Le entrate dei lavoratori non riescono più a tenere il passo con l’inflazione e con il deprezzamento della moneta nazionale.

Nel gennaio del 2017 Maduro ha alzato i salari minimi del 50% su quota 104,358 bolivar, allora corrispondenti a circa 31,17 dollari statunitensi, secondo il tasso di cambio non ufficiale costantemente utilizzato da milioni di venezuelani. Per dirla in altre agghiaccianti parole, nonostante tutti gli aumenti il nuovo salario minimo del Venezuela vale oggi meno di un quinto rispetto allo scorso anno.

Intanto, il Fondo Monetario Internazionale ha stimato per il 2018 un’inflazione al 13.000%. Un dato inquietante al quale si è accompagnato quello relativo al mercato valutario di Caracas: lo scorso anno un dollaro USA valeva circa 4.200 bolivar, mentre ora ne vale 213.000.

In un contesto in cui il 64% della popolazione ha perso peso date le difficoltà nel procurarsi cibo e beni di prima necessità, e di fronte ad un’economia in progressivo deterioramento, la scelta di alzare il salario minimo del Venezuela risulta oggi una mossa purtroppo priva di reale efficacia.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Venezuela

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Cristiana Gagliarducci

Cristiana Gagliarducci

3 settimane fa

Venezuela: al via l’ultima mossa per uscire dalla crisi

Venezuela: al via l'ultima mossa per uscire dalla crisi

Commenta

Condividi

Redazione -

Venezuela: Bolivar sovrano, cosa è e perché è stata lanciata la nuova valuta

Venezuela: Bolivar sovrano, cosa è e perché è stata lanciata la nuova valuta

Commenta

Condividi

Marco Ciotola -

Venezuela: come siamo arrivati a questo punto?

Venezuela: come siamo arrivati a questo punto?

Commenta

Condividi