Coronavirus, in Veneto tutti faranno il tampone. Zaia: “L’Italia intera faccia come noi”

Il governatore Luca Zaia ha annunciato che in Veneto tutti faranno il tampone per individuare le persone asintomatiche, invitando il governo a estendere questa misura a tutta l’Italia.

Coronavirus, in Veneto tutti faranno il tampone. Zaia: “L'Italia intera faccia come noi”

Negli ultimi giorni nel pieno di questa emergenza coronavirus, è cresciuto il numero degli esperti che hanno spiegato come una mossa fondamentale per contenere il contagio sarebbe quella di individuare gli asintomatici.

Della stessa opinione sembrerebbe essere Luca Zaia, governatore del Veneto che di recente non ha neanche escluso il ricorso della soluzione estrema del coprifuoco se non dovessero esserci dei miglioramenti per quanto riguarda la diffusione del virus.

Ecco dunque che il governatore leghista ha annunciato dai microfoni di Radio Anch’io come nella sua Regione partirà una sorta di campagna a tappeto per fare il tampone a tutti i veneti, allo scopo di individuare tutti gli asintomatici al coronavirus.

Andremo col camper a fare il tampone a tutti - ha annunciato Zaia - Le persone positive asintomatiche devono essere individuate perché se vanno in giro contagiano altre persone anche senza saperlo. Quindi dobbiamo isolarlo”.

Secondo Luca Zaia il Veneto sarebbe in grado “di fare 20-25 mila tamponi al giorno e avere il risultato in quattro ore”, replicando così quanto fatto a Vo’ Euganeo dove tutti i cittadini hanno fatto il doppio tampone a distanza di due settimane.

Il governatore ha poi auspicato che questa soluzione del tampone a tutti venga estesa a l’Italia intera, visto che “se per assurdo fai il test a una intera popolazione, quanto meno hai una istantanea di chi è necessario isolare”.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories