Vaccino e reazioni allergiche: come stanno davvero le cose?

Redazione IlGiornale.it

30 Dicembre 2020 - 08:06

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il vaccino contro il Covid-19 causa reazioni allergiche? Ecco come stanno davvero le cose.

Vaccino e reazioni allergiche: come stanno davvero le cose?

Mentre Europa e Stati Uniti hanno già iniziato la somministrazione del vaccino Pfizer-BioNtech, ci si interroga sugli eventuali effetti collaterali di uno dei suoi componenti: le nanoparticelle di polietilenglicole (chiamate Peg) che avvolgono l’mRna contenuto nel vaccino e che non sarebbero mai state usate prima d’ora in un vaccino approvato.

«Il Peg è una sostanza presente in numerosissimi farmaci, ci sono segnalazioni di migliaia di molecole farmaceutiche in cui viene utilizzato», afferma il Prof. Marco Falcone, ricercatore di Malattie Infettive all’Università di Pisa. «Dire che possa inficiare la sicurezza del vaccino è un’affermazione che non possiamo fare».

Queste sostanze sono utilizzate in prodotti di uso quotidiano come dentifricio e shampoo come addensanti, solventi, ammorbidenti e trasportatori di umidità e sono stati usati come lassativi per decenni.

«Esiste un rischio allergico perché questi componenti sono stati descritti in passato come potenziali meccanismi di insorgenza di allergia: tuttavia, che questo vaccino possa dare una reazione allergica su vasta scala, dai dati che abbiamo a disposizione, non c’è», sottolinea Falcone.

Questo ed altri vaccini salveranno migliaia di vite ed elimineranno dalla circolazione il Covid-19.

«Dal punto di vista scientifico, cinque casi di reazioni allergiche gravi ogni centomila non hanno alcun valore: quei cinque che hanno reazioni allergiche gravi sono molto meno problematici di centomila casi Covid in cui muoiono 1.000-1.500 persone», specifica il ricercatore, il quale sottolinea come «il rapporto è 1.500 morti rispetto a cinque-dieci persone che vanno incontro a reazioni allergiche».

Gli Stati Uniti contano in tutto sei casi di anafilassi tra le 272mila persone vaccinate, il Regno Unito soltanto due. Vacciniamoci, vale per noi e per il prossimo.

Continua a leggere su IlGiornale.it

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories