Usa, crolla la fiducia verso Trump: effetto coronavirus?

Alessandro Cipolla

15/04/2020

13/04/2021 - 10:23

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’ultimo sondaggio negli Usa sull’operato di Donald Trump vede il Presidente in netto ritardo in vista delle elezioni Usa 2020: un brusco calo dovuto all’emergenza coronavirus che sta sconvolgendo gli States?

Usa, crolla la fiducia verso Trump: effetto coronavirus?

Per Donald Trump il momento non sembrerebbe essere dei migliori. Dopo aver inizialmente sottovalutato il rischio, l’epidemia da coronavirus adesso sta colpendo duramente gli Stati Uniti tanto che gli Usa sono il paese dove al momento si registrano più positivi e morti al mondo.

In vista delle elezioni presidenziali di novembre i Democratici hanno già concluso le proprie primarie, incoronando Joe Biden come proprio candidato grazie al passo indietro da parte di Bernie Sanders.

In questo scenario, non sembrerebbero essere d’aiuto al tycoon neanche i sondaggi, visto che sarebbe crollata da parte degli americani l’approvazione verso l’operato dell’amministrazione targata Donald Trump.

Sondaggi horror per Trump

L’istituto Rasmussen a riguardo in maniera quasi quotidiana (qui tutti i dati) monitora il livello di approvazione verso Trump, con il divario tra chi disapprova e chi invece approva che mai come in questo momento sarebbe così evidente.

L’ultima rilevazione del 14 aprile vede un 55% degli americani che sarebbe in disaccordo con l’operato della Casa Bianca, a fronte di un 44% che invece approverebbe per un divario complessivo di undici punti percentuali.

Sempre stando alla stessa tipologia di sondaggi realizzati da Rasmussen, lo scorso 25 febbraio la situazione era niente di meno che capovolta, con il 52% che approvava il lavoro del Presidente e il 47% che invece non approvava.

Appare evidente come il giudizio degli americani sarebbe cambiato dopo l’esplosione del coronavirus anche negli Usa, con il tycoon che potrebbe essere visto come uno dei responsabili di questa grande crisi sanitaria per avere inizialmente non compreso a pieno quali fossero i rischi.

Anche sul fronte del testa a testa per le elezioni presidenziali del 3 novembre non va meglio per Donald Trump, con Joe Biden che sarebbe in testa aspettando di capire come possa evolvere l’emergenza coronavirus negli Stati Uniti, il grande fattore che potrà pesare non poco sull’esito del voto.

Iscriviti alla newsletter