L’UE spinge sui green bond, anche per il Recovery Fund

Violetta Silvestri

08/06/2021

08/06/2021 - 13:15

condividi

UE sempre più sostenibile: il Recovery Fund chiama l’Europa alla svolta verde. E il debito comune per finanziare la ripresa sarà orientato sui green bond, parola di Gentiloni.

L'UE spinge sui green bond, anche per il Recovery Fund

Finanza verde: questo l’imperativo dell’UE, che sta spingendo sui green bond.

Le obbligazioni orientate ai progetti sostenibili saranno uno degli strumenti portanti della ripresa economica europea. Il debito comune che si appresta a emettere il vecchio continente per finanziare il Recovery Fund dovrà incentrarsi anche sui green bond.

Quali ambizioni sostenibili dell’UE? Le parole di Gentiloni.

UE: debito comune all’insegna dei green bond

L’importante piano europeo di rilancio economico tramite debito comune sta per debuttare sui mercati obbligazionari.

Oltre alla novità di bond emessi a titolo di debito comunitario, l’UE spinge molto sulla finanza verde.

Gentiloni ha quindi specificato il ruolo delle obbligazioni “verdi” nel trovare risorse per il NextGenerationEU:

“Noi abbiamo deciso che il 30% delle emissioni del debito comune avverranno tramite green bond

L’ottimismo è quindi duplice: sul piano delle risorse necessarie per il rilancio europeo e su quello della sostenibilità, ormai obiettivo irrinunciabile dell’UE.

Gentiloni ha giustificato tale positività sull’emissione di nuovo debito con queste parole durante il Festival dell’Economia di Trento:

“Abbiamo un precedente, Sure di sostegno agli schemi tipo cassa integrazione, dove abbiamo raccolto quasi 100 miliardi con dei livelli di domanda di 15-16 volte superiore all’offerta.... In sintesi io penso che nelle prossime settimane andremo sui mercati, che l’accoglienza sarà credo molto favorevole e che quindi il famoso pre-finanziamento del 13% sarà possibile prima della pausa estiva, quindi entro fine luglio

Con il via libera delle risorse per il NextGenerationEU e i piani nazionali di ripresa si comincerà a concretizzare anche la svolta green europea. Con quali strumenti?

Le ambizioni verdi dell’UE

In occasione di “Euronext Esg Summit - Financing the Blue and Green Economy”, Gentiloni ha sottolineato l’impegno in prima linea dell’Europa sul fronte sostenibilità.

Finanza, crescita economica e lotta ai cambiamenti climatici vanno ormai di pari passo. E l’UE vuole fare la differenza. Come?

Non solo green bond e New Green Deal, carta di identità della nuova Commissione europea. Il target è il 55% di emissioni in meno entro il 2030 attraverso 12 proposte che arriveranno dall’istituzione UE a luglio e, soprattutto, i requisiti del Recovery Fund.

Come noto, il 37% degli investimenti nei piani nazionali dovranno essere nella transizione verde.

E poi ci sarà il focus sulla tassazione green, per “favorire un comportamento sostenibile e scelte giuste. Aggiorneremo per questo la nostra direttiva sulla tassazione energetica. L’impegno europeo su questo è chiaro, la sostenibilità è oggi la nostra strategia per la crescita”

Così ha spiegato Gentiloni, in attesa dell’emissione del debito comune, anche attraverso green bond.

Iscriviti a Money.it