UE: Dombrovskis nuovo commissario al Commercio

Nuove nomine in Commissione Europea. Dopo le dimissioni del delegato al Commercio Hogan l’incarico è stato affidato a Valdis Dombrovskis, già vicepresidente dell’Esecutivo UE. Al lettone appena nominato spetta un’agenda fitta.

UE: Dombrovskis nuovo commissario al Commercio

In seguito alle dimissioni dell’irlandese Phil Hogan, la Commissione UE ha un nuovo incaricato al Commercio.

Si tratta del vicepresidente esecutivo della Commissione europea Valdis Dombrovskis. Insieme a lui, la presidente dell’Esecutivo UE ha nominato anche Mairead McGuinness in qualità di commissario irlandese per i Servizi finanziari.

Dombrovsksis, che ha servito come commissario ad interim per il Commercio dal mese scorso, rinuncerà ad alcune delle attuali responsabilità nel suo ampio portafoglio economico, affidando a McGuinness, membro veterano del Parlamento europeo, i servizi e la stabilità finanziaria.

L’agenda del nuovo delegato UE si preannuncia fitta di impegni importanti e delicati nell’ambito dei futuri rapporti commerciali dell’Unione.

Dombrovsksis commissario al Commercio UE

La scelta di Dombrovsksis come commissario al Commercio UE da parte di Ursula von der Leyen è un segno di continuità con la famiglia politica del centrodestra dei Popolari Europei (di cui anche Hogan faceva parte).

Appena ufficializzata la nomina, il nuovo delegato ha così espresso la sua soddisfazione e gratitudine:

“Ringrazio la presidente von der Leyen per avermi affidato questa responsabilità. Il commercio globale si trova in acque turbolente e non vedo l’ora di iniziare a lavorare su temi così importanti”

Opinione condivisa a Bruxelles è che i prossimi impegni commerciali europei sono della massima delicatezza. Affidarli a una personalità capace e con esperienza è stato, quindi, fondamentale per la presidente della Commissione UE.

Le sfide commerciali dell’Unione Europea

Nel suo breve discorso di ringraziamento per la delega ricevuta, Dombrovsksis ha menzionato alcuni temi cruciali per il futuro commerciale dell’Unione: la riforma del WTO e i rapporti con la Cina.

Sulle relazioni con Pechino ha affermato: “sarebbe ottimo se riuscissimo a chiudere l’accordo sugli investimenti quest’anno, ma deve essere ambizioso e capace di affrontare gli squilibri che viviamo”.

Inoltre, sul tavolo UE ci sono altre questioni spinose come la Brexit, il contrasto con gli USA sulla tassa digitale, la guerra dei dazi con Washington.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories