Trimestrale Intesa Sanpaolo: focus sulle previsioni

Domani Intesa Sanpaolo alzerà il velo sui conti: le previsioni sul primo trimestre del 2019

Trimestrale Intesa Sanpaolo: focus sulle previsioni

La trimestrale di Intesa Sanpaolo è il primo banco di prova che attende il settore bancario a maggio.

La banca guidata dall’amministratore delegato Carlo Messina è, in ordine temporale, il primo grande istituto italiano che alzerà il velo sui conti del primo trimestre 2019 di Borsa Italiana. Le attese degli analisti sono alte: il consensus rilevato da Bloomberg poggia sulle operazioni di de-risking messe in atto da Intesa lo scorso anno e sulle dichiarazioni rilasciate qualche settimana fa dallo stesso Messina:

«Pur in un contesto di mercato molto difficile riteniamo di poter essere nelle condizioni di garantire una crescita dell’utile 2019 superiore ai 4 miliardi del 2018».

Trimestrale Intesa Sanpaolo: le previsioni sul 1° trimestre 2019

Secondo le stime degli analisti sintetizzate nel consensus sulla piattaforma Bloomberg Intesa Sanpaolo dovrebbe archiviare il primo trimestre del 2019 con un utile netto compreso fra 0,9 e 1,05 miliardi. Il pari trimestre riferito al 2018 si era concluso con un utile netto di 1,25 miliardi.

Guardando sempre al conto economico di Intesa Sanpaolo, gli analisti rimarranno concentrati sul giro d’affari e sugli aggregati operativi della banca. L’Ebitda (il reddito operativo al lordo degli ammortamenti e delle tasse) è visto a circa, 2,07 miliardi mentre i ricavi dovrebbero aggirarsi attorno ai 4,3 miliardi di euro.

In sintesi, le previsioni degli analisti sui principali aggregati di conto economico per Intesa Sanpaolo nel primo trimestre 2019 sono le seguenti:

  • Ricavi: 4,33 miliardi
  • Ebitda: 2,07 miliardi
  • Utile netto: 0,9 - 1,05 miliardi

Sotto la lente degli analisti anche gli indicatori patrimoniali di Intesa Sanpaolo. Per quanto riguarda il processo di riduzione del rischio (de-risking), uno dei cardini del piano di impresa della banca, Messina aveva promesso: «faremo meglio del previsto». Nel 2018 le rettifiche nette su crediti hanno fatto segnare il valore minore dal 2007, a fine anno il portafoglio presentava un livello di copertura al 36,2%.

Intesa Sanpaolo in Borsa

Le quotazioni di Intesa Sanpaolo nel primo trimestre dell’anno riflettono uno scenario positivo. Grazie ad una performance positiva di circall’interno il titolo infatti è stato uno migliori nel 2019 all’interno del settore bancario italiano. Gran parte di questa performance è stata generata proprio nei primi tre mesi dell’anno (+13,885 da gennaio a marzo), mentre con aprile il prezzo delle azioni Intesa è salito per la prima volta da oltre 6 mesi sopra i 2,20 euro per azione.

Nonostante questo rally in Borsa, le quotazioni rimangono ancora indietro rispetto ad un anno fa (-28%), prima cioè che si formasse l’attuale Governo Conte e che la sfiducia del mercato catapultasse lo spread alle stelle.

Il prezzo è giusto? Secondo gli analisti le attuali quotazioni di Intesa Sanpaolo ancora non riflettono il vero valore dell’azienda.

Fra i 32 analisti e broker censiti da Bloomberg che seguono il titolo quotato sono 10 quelli che hanno un giudizio positivo (Buy, Outperform, Overweight) mentre arrivano a 18 quelli neutrali (Neutral, Hold, Equalweight). Solo 4 analisti consigliano di sottopesare (Underweight) o vendere (Sell) il titolo. Il target price medio calcolato da Bloomberg sulla base delle stime degli ultimi 12 mesi è pari a 2,40 euro, un prezzo che incorpora un updise potenziale di circa 5,3 punti rispetto alle quotazioni attuali del titolo.

Come osservabile sul nostro Calendario aggiornato, la trimestrale di Intesa Sanpaolo verrà resa nota domani.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Intesa Sanpaolo

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.