Tredicesima settore privato: chi prende di più in Italia?

Tredicesima dei dipendenti privati in Italia: chi prende di più? La classifica dell’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro per il 2019.

Tredicesima settore privato: chi prende di più in Italia?

Quant’è la tredicesima nel settore privato e chi prende di più in Italia? A queste e altre domande, in vista del pagamento della gratifica natalizia a dicembre, risponde il report dell’Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro per il 2019.

Come noto, la tredicesima è una mensilità straordinaria dello stipendio, ed è un diritto di tutti i dipendenti garantito dai contratti in Italia, a differenza della quattordicesima che è concessa solo in alcuni particolari settori.

Il pagamento della tredicesima arriva entro dicembre per tutti i lavoratori, anche se gli importi sono molto diversi tra Nord, Sud e Centro. Infatti, come analizzato dallo studio pubblicato, la differenza regionale sugli importi della tredicesima è alta nel settore privato.

In questo articolo analizziamo la tredicesima nel settore privato, quant’è e chi riceve un importo più alto in Italia.

Quant’è la tredicesima nel settore privato?

La tredicesima dei dipendenti del settore privato varia in base a tipo di contratto stipulato, ossia dall’importo dello stipendio e dall’impegno orario con il datore di lavoro (part-time o full-time).

Nel mese di dicembre 2019 la tredicesima nel settore privato avrà un volume totale di 12,5 miliardi di euro lordi, con un importo medio di 956 euro, con una forte differenza tra i lavoratori per il part time e il full time.

I dipendenti impegnati part time percepiranno una tredicesima di 529 euro (in media) mentre ai lavoratori full time verranno accreditati 1192 euro (in media), come dall’analisi dell’Osservatorio:

Orario lavoratori giornate stipendio al giorno (lordo) tredicesima media (lorda) tredicesima media (netta)
Tempo pieno 9.316.851 253 94 euro 1.986 euro 1.192 euro
Part time 3.776.238 217 49 euro 882 euro 529 euro
Totale 13.093.089 241 79 euro 1.593 euro 956 euro

Tredicesima: dove è più alta in Italia?

Come visto, la tredicesima varia molto in base all’impegno orario previsto dal contratto. In alcune regioni inoltre, il part time è molto più diffuso rispetto ad altre, abbassando gli stipendi nonché l’importo medio della tredicesima.

Nelle isole e al Sud, e per le lavoratrici donne, il part time è la forma di contratto più diffusa, favorendo una differenza regionale che varia dal 37% al 5%.

Infatti, gli importi totali della tredicesima divisi per regioni equivalgono a:

  • Nord ovest: 3,7 miliardi di euro complessivi per la tredicesima, corrispondenti al 37% del totale
  • Nord est: 3,3 miliardi di euro complessivi per la tredicesima, corrispondenti al 26% del totale
  • Centro: 2,5 miliardi di euro complessivi per la tredicesima, corrispondenti al 20% del totale
  • Sud: 2 miliardi di euro complessivi per la tredicesima, corrispondenti al 16% del totale
  • Isole: 625 milioni di euro complessivi per la tredicesima, corrispondenti al 5% del totale

Per quel che riguarda gli importi previsti per singolo lavoratore invece, il costo della tredicesima prevista per un sardo o un siciliano è molto diverso da quella dei colleghi delle altre regioni d’Italia, con una differenza media di 210 euro.
Nello specifico gli importi medi della tredicesima sono:

  • 746 euro netti per i lavoratori dipendenti delle isole
  • 753 euro netti per i lavoratori dipendenti del Sud
  • 919 euro netti per i lavoratori dipendenti del Centro
  • 1.031 euro netti per i lavoratori dipendenti del Nord est
  • 1.077 euro netti per i lavoratori dipendenti del Nord ovest

Continua a leggere per Calcolo tredicesima mensilità 2019: ecco la guida completa

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Tredicesima

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.