Tesla avrebbe iniziato a esportare in Europa le prime unità della berlina elettrica Tesla Model 3 prodotte in Cina. Secondo indiscrezioni, un primo ordine dalla Francia contiene già il riferimento «Model 3 - China».

Le prime unità di Tesla Model 3 prodotte in Cina sarebbero sbarcate per la vendita in Europa

A settembre sono apparsi per la prima volta rapporti secondo cui Tesla avrebbe potuto vendere in Europa anche veicoli costruiti in Cina, cosa che invece la casa automobilistica di Elon Musk aveva escluso quando fu inaugurata la Gigafactory 3 a Shanghai.

La fattura di un cliente francese per una Tesla Model 3 SR + contiene già la nota «Model 3 - China» e il numero del veicolo dovrebbe contenere anche una «C» che starebbe proprio per made in Cina.

In futuro quando aprirà lo stabilimento Tesla di Berlino, in quella fabbrica sarà prodotto Tesla Model Y nella versione europea. Inoltre dovrebbe venire costruita anche una futura berlina compatta che a sua volta potrebbe venire esportata in Cina.

Nel frattempo negli Stati Uniti, Tesla ha apparentemente cancellato la possibilità di restituire il prodotto dopo sette giorni. La società californiana aveva introdotto la politica di restituzione entro sette giorni come promessa di qualità.

Chi non era soddisfatto della propria auto entro quel periodo di tempo poteva restituirla e ricevere un rimborso completo. Il rapporto afferma anche che è strano che questa politica, che aveva lo scopo di mostrare che i clienti avrebbero apprezzato la loro nuova auto, sia stata cancellata senza alcun annuncio ufficiale.

Se Tesla dovesse annullare la regola di restituzione anche dopo sette giorni in Europa, ciò non avrebbe quasi alcun effetto sui clienti, poiché il diritto di recesso dell’UE di 14 giorni si applica comunque a qualsiasi tipo di prodotto acquistato.