Terza dose vaccino Lazio: come prenotare, a chi tocca e dove andare

Martino Grassi

28 Settembre 2021 - 15:28

condividi

Al via la somministrazione della terza dose vaccino anche nel Lazio. Ecco chi dovrà riceverla, come avviene la prenotazione, dove andare e tutto quello che c’è da sapere.

Terza dose vaccino Lazio: come prenotare, a chi tocca e dove andare

Anche il Lazio ha dato il via alla somministrazione della terza dose di vaccino a completamento del ciclo per alcune categorie di persone. La regione di Nicola Zingaretti ha fatto da apripista, per poi partire dal 20 settembre in maniera massiva in tutte le aziende su trapiantati e dializzati, somministrando la terza dose di richiamo ai pazienti indicati nella circolare del ministero della Salute.

In un nuovo documento, la somministrazione della terza dose di vaccino è stata estesa anche ad altre di categorie di persone, come gli over 80 e gli ospiti delle residenze sanitarie assistite (RSA). Vediamo dunque chi dovrà ricevere la dose aggiuntiva di vaccino nel Lazio, come prenotarla e dove andare.

Terza dose di vaccino Lazio: chi deve farla

Stando alle direttive del ministero della Salute, anche nel Lazio, la somministrazione della terza dose di vaccino è iniziata da 10 categorie di pazienti, considerati a maggiore rischio. In una circolare è stato precisato che per queste particolari fasce si parla di una «dose addizionale», ossia una dose aggiuntiva a completamento del ciclo vaccinale primario composto da due dosi, in modo da poter raggiungere un adeguato livello di risposta immunitaria. Ma vediamo quali sono le categorie di pazienti idonee alla somministrazione della dose addizionale:

  1. trapianto di organo solido in terapia immunosoppressiva,
  2. trapianto di cellule staminali ematopoietiche,
  3. attesa di trapianto d’organo,
  4. terapie a base di cellule T,
  5. pazienti oncologici,
  6. immunodeficienze primitive,
  7. immunodeficienze secondarie,
  8. persone in dialisi e con insufficienza renale cronica grave,
  9. pregressa splenectomia,
  10. persone affette da Aids.

A queste si sono poi aggiunte le persone con un’età superiore agli 80 anni e gli ospiti delle RSA, secondo quanto stabilito dal Comitato Tecnico Scientifico. Seguiranno poi gli operatori sanitari, considerati particolarmente a rischio.

Come prenotare la terza dose di vaccino nel Lazio

In un primo momento, come precisato dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, non era previsto alcun sistema di prenotazione per la terza dose di vaccino come invece è avvenuto per la somministrazione della prima e della seconda dose.

Infatti la somministrazione della dose aggiuntiva di vaccino riguardava un numero ristretto di persone, proprio per questo motivo si era deciso che i pazienti sarebbero stati contattati direttamente dalle strutture dove erano in cura, provvedendo a fissare un nuovo appuntamento singolarmente. In un secondo momento è stata aperta anche la possibilità di prenotarsi online sull’apposito sito della regione Lazio dedicato al vaccino contro il Covid-19.

A partire dalla notte tra mercoledì 29 e giovedì 30 settembre questa possibilità sarà estesa anche alle persone over 80, dando la facoltà di scegliere dove farsi faccinare: centri vaccinali, farmacie del territorio o dal proprio medico di base. Nel caso in cui non si dovesse ricevere la chiamata, o si volessero avere dei chiarimenti, si potrà comunque fare affidamento al proprio medico di medicina generale o ai call center messi a disposizione dalla Regione.

Terza dose per gli over 80: da quando?

Per quanto riguarda l’avvio delle somministrazioni agli over 80 e agli ospiti delle residenze sanitarie, l’assessore regionale alla Sanità ha fatto sapere che prenderanno il via già a partire dal 29 settembre per gli ospiti delle RSA.

La Regione Lazio va dunque a riconfermarsi l’apripista a livello nazione, come già successo con la somministrazione della terza dose di vaccino ai malati oncologici, gli immunodepressi, trapiantati o affetti da patologie multiple, iniziate a metà settembre con alcuni giorni di anticipo rispetto alle altre Regioni d’Italia.

Iscriviti a Money.it