Superlega, perché la Juve rischia più di Milan e Inter: addio Champions?

Riccardo Lozzi

26/04/2021

05/07/2021 - 16:47

condividi

Il presidente della UEFA Ceferin ha ipotizzato in un’intervista al The Mail sanzioni differenti per le diverse squadre che hanno aderito alla Superlega. Ora la Juventus rischia più di Inter e Milan di restare fuori dalla Champions League.

Sembra non essere ancora terminata la telenovela della Superlega che, dall’annuncio da parte dei 12 club della scorsa settimana, ha portato a un vero terremoto nel calcio europeo.

Si è assistito infatti a uno scontro senza precedenti tra la UEFA e le squadre che avevano siglato l’intesa per far nascere la nuova competizione continentale in grado di assicurare un aumento degli introiti alle società coinvolte, potendo contare sulla qualificazione garantita senza dover passare per un risultato sportivo.

Il presidente UEFA Aleksander Ceferin non ha ancora digerito la faccenda e, forte del fallimento del progetto della Superleague, ha rilasciato in questi giorni diverse interviste in cui ha rivelato le sanzioni che la UEFA potrebbe mettere in campo contro i “secessionisti”.

Come dichiarato in un colloquio con The Mail, Ceferin divide i club dissidenti in diversi gruppi, a cui attribuisce un diverso grado di colpevolezza e, di conseguenza, sanzioni differenti. In Italia, ad esempio, la Juventus rischia più di Milan e Inter.

Superlega, perchè la Juve rischia più di Milan e Inter

Le 6 squadre inglesi, ha spiegato il numero uno della UEFA, sono state le prime ad aver annunciato l’addio al progetto in seguito alle proteste dei propri tifosi e le minacce del Governo di Boris Johnson, contribuendo in modo decisivo al fallimento della Superlega e, per tale ragione, dovrebbero essere quelle a pagare di meno.

Inter e Atletico Madrid si trovano invece nel gruppo intermedio, per cui potrebbero incorrere in qualche multa finanziaria ma non rischierebbero squalifiche pesanti.

Per il Milan il discorso è leggermente diverso, non avendo esplicitato ufficialmente il proprio dietrofront se non con le parole di Paolo Maldini, che però ha rivelato di non essere pienamente a conoscenza dei piani del club.

Infine Ceferin ha annunciato il pugno duro contro Juventus, Real Madrid e Barcellona, i quali vengono appellati “terrapiattisti che pensano che la Superleague esista”, e che, a differenza degli altri ribelli, potrebbero vedere in pericolo la qualificazione alla Champions League del prossimo anno, insieme a multe pecuniarie.

Per la Juventus in pericolo la qualificazione alla prossima Champions League

La qualificazione alla prossima edizione della Champions League, per la Juventus è comunque messa a rischio anche dai risultati sportivi, visto che la Vecchia Signora rischia di restare fuori dal novero delle prime quattro della Serie A.

Una delle peggiori settimane per la Juve e il presidente Andrea Agnelli, considerato da molti il vero sconfitto di questa vicenda, tanto che potrebbe addirittura perdere il suo ruolo all’interno della società.

L’affaire Superlega ha avuto un impatto anche in Borsa, portando inizialmente a un balzo delle azioni bianconere di oltre il 10% nelle ore successive all’annuncio, per poi sgonfiarsi nei giorni seguenti in cui il progetto veniva dato per morto.

Nel complesso, il club torinese, alla chiusura della scorsa settimana ha subito una perdita netta del 4,5%.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.