Stipendi medi in Italia: ecco chi guadagna di più

Fiammetta Rubini

07/01/2021

07/01/2021 - 17:49

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Qual è lo stipendio medio in Italia e quali sono i settori e i lavoratori che guadagnano di più? Ecco l’analisi completa.

Stipendi medi in Italia: ecco chi guadagna di più

Quali sono gli stipendi medi in Italia, in quali settori e dove si guadagna di più? Dà una risposta esaustiva a queste domande l’ultimo JP Salary Outlook 2020, l’analisi condotta dal portale JobPricing in collaborazione con Infojobs che periodicamente fotografa il mercato delle retribuzioni nel nostro Paese.

Lo studio ci rivela che se nel 2019 la retribuzione media lorda in Italia è scesa rispetto all’anno precedente (29.235 euro contro i 29.601 euro del 2018), nel 2020 la crisi sanitaria ed economica senza precedenti legata al Covid-19 causa un calo drastico delle retribuzioni medie e un aumento della disoccupazione. Il PIL italiano, secondo le stime della Commissione Europea, diminuirà del 9,9%.

Lo stipendio medio in Italia

Stando ai dati, in Italia un lavoratore dipendente nel 2019 ha percepito una RAL (retribuzione annuale lorda) media di 29.352 euro.

Ma quando si parla di stipendi medi è doveroso fare le opportune differenze tra settori, inquadramento e collocazione geografica.

Quanto ai settori più redditizi, in Italia quelli che pagano meglio sono Banche e servizi finanziari (RAL: 43.277 €), Farmaceutica e Biotecnologie (39.294 €), Ingegneria (38.222 €) e Oil & Gas (38.093€).

Il settore agricolo risulta invece il meno redditizio: chi lavora nel primario ha una RAL media di 23.795 euro. Ecco come è formata la classifica:

  1. Servizi finanziari: 41.864 euro
  2. Utilities: 32.162 euro
  3. Industria di processo: 31.109 euro
  4. Industria manifatturiera: 30.290 euro
  5. Commercio: 28.555 euro
  6. Servizi: 27.983 euro
  7. Edilizia: 26.494 euro
  8. Agricoltura: 23.795 euro

Chi guadagna di più al mese

Il report evidenzia che la finanza paga meglio i dirigenti e i quadri, l’industria paga meglio gli impiegati, le utilities gli operai. Il commercio è il settore che paga peggio gli impiegati.

Ecco uno specchietto che illustra le retribuzioni in base alla qualifica professionale.

Stipendi mediTotaleDirigentiQuadriImpiegatiOperai
29.352€ 101.223€ 54.236€ 30.737€ 24.770€

Dati che in stipendio mensile netto (su 13 mensilità) si traducono mediamente in:

  • 4.487€ - dirigente
  • 2.636€ - quadro
  • 1.681€ - impiegato
  • 1.469€ - operaio

Su 14 mensilità di stipendio, il percepito medio netto di un operaio è di 1.364 euro, quello di un impiegato 1.561 euro, quello di un quadro 2.447 euro e quello di un dirigente 4.167 euro.

Dall’analisi emerge anche che chi lavora in imprese di grandi dimensioni guadagna mediamente di più rispetto ai dipendenti delle piccole imprese. Si passa dai 25.876€ percepiti da dipendenti di aziende con meno di 10 dipendenti ai 36.608€ medi rilevati in aziende con oltre 1.000 dipendenti.

I dati confermano anche per il 2019 una disparità di genere nelle retribuzioni in Italia, aumentata di oltre 1 punto percentuale. Gli uomini guadagnano in media oltre 3.000 euro in più delle donne, e questo si deve soprattutto alla difficoltà per le donne di fare carriera e raggiungere i ruoli apicali in azienda: i dirigenti donna nel settore privato sono appena il 16% del totale.

Nelle differenze retributive incidono anche:

  • l’età, al crescere dell’età aumenta la retribuzione (25-34 anni: RAL 25.818€; 45-54 anni: RAL 31.252€; 35-44 anni: RAL 28.967€)
  • il livello di istruzione: la laurea paga di più, la differenza è del 44%. La RAL
    media dei laureati è di 39.787€, mentre quella dei non laureati è di 27.662€. Chi ha anche un master di II livello può contare su una retribuzione pari a 47.000€.

Stipendi e potere d’acquisto degli italiani

Fatta eccezione per i dirigenti, nel primo semestre del 2019 il potere d’acquisto dei lavoratori italiani è calato rispetto al 2018. Questo perché a partire dal 2019 i prezzi sono aumentati più delle retribuzioni.

Ma a rendere soddisfacente la retribuzione di un lavoratore non è solo il denaro: i benefit e il welfare aziendale rappresentano infatti una componente sempre più importante nella vita lavorativa degli italiani.

Come prevedibile, sono i dirigenti i principali percettori di benefit come smartphone, carta di credito, auto aziendali, rimborso spese viaggio, buoni pasto e ristoranti convenzionati, coperture mediche, fondi pensione, acquisti agevolati, nido aziendale e borse di studio per i figli.

Regioni e città con stipendi più alti e più bassi

In Italia gli stipendi al Nord sono superiori rispetto al Sud, a prescindere dalla qualifica contrattuale.

RAL media Nord: 30.276€
RAL media Centro: 29.075€
RAL media Sud e isole: 26.473€

Le ragioni di questo gap sono diverse. Fatta eccezione per Roma, al Nord ci sono molte più aziende di grandi dimensioni e multinazionali che richiedono profili manageriali o con elevate competenze. Vi è poi il costo della vita, che è più basso nelle regioni meridionali e nelle isole, per non parlare del tasso di lavoro “sommerso” che è maggiore al Sud e che fa abbassare fisiologicamente il livello dei salari regolari

I dati sulle retribuzioni nel Centro Italia sono fortemente condizionati dal cosiddetto “effetto Roma”: l’alta concentrazione nella Capitale di multinazionali private e di manager del settore pubblico fa salire i dati dei salari medi, specie per quanto riguarda i profili dirigenziali.

Entrando nel dettaglio delle regioni e città italiane in cui un lavoratore può contare su uno stipendio più alto, scopriamo che nel 2020 il Trentino Alto Adige, con una RGA (retribuzione globale annua) pari a 32.954 € ha surclassato la Lombardia (RGA 32.539 €) come regione con gli stipendi migliori (Fonte dati: JP Geography Index 2020). Al terzo posto il Lazio, con una RGA media per il 2020 pari a 31.391 €.

Agli ultimi posti della classifica troviamo Molise (26.617 €), Sardegna (26.480 €), Calabria (25.549 €) e infine Basilicata (25.168 €).

Per quanto riguarda le province in cui si guadagna di più, la Top 10 è formata da:

  1. Milano - 35.497 €
  2. Bolzano - 33.602 €
  3. Trieste - 33.513 €
  4. Genova - 32.493 €
  5. Bologna - 32.242 €
  6. Roma - 32.224 €
  7. Parma - 31.871 €
  8. Monza Brianza - 31.625 €
  9. Varese - 31.586 €
  10. Piacenza - 31.446 €

Nella parte più bassa della classifica compaiono solo città del Sud e delle Isole. Fanalino di coda Matera (24.844 €), Messina (24.735 €), Ragusa (24.509 €) e Crotone (23.888 €).

Argomenti

# Italia
# Lavoro

Iscriviti alla newsletter