Quando ricomincia la Serie A: spuntano possibili date

Martino Grassi

09/04/2020

12/04/2021 - 16:22

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La Serie A pronta a ripartire? Il 4 maggio riprendono gli allenamenti, mentre il campionato potrebbe ricominciare il 24 o il 31 maggio. Le ultime notizie.

Quando ricomincia la Serie A: spuntano possibili date

La Serie A si prepara a tornare in campo durante l’attuazione della Fase 2 dell’emergenza sanitaria, ricominciando gli allenamenti e prospettando nuove date per le partite di campionato, sospese a causa del lockdown.

Si procederà a piccoli passi rispettando un ferreo protocollo in grado di evitare delle ondate di nuovi contagi tra i calciatori nel pieno rispetto delle norme di sicurezza pubblica. I vari club sportivi stanno già elaborando delle possibili date di inizio per gli allenamenti e le partite, suddivise in due fasi:

  • la prima riguarderà il rientro nei club dei giocatori che dovranno osservare un periodo di quarantena di due settimane;
  • la seconda prevederà la ripresa dell’attività agonistica.

Serie A: quando riprendono gli allenamenti

Gli allenamenti, dato il miglioramento della situazione legata alla diffusione del coronavirus e alle sollecitazioni dei calciatori, potrebbero ricominciare il 4 maggio. L’ipotesi di questa data sembra molto plausibile e le metodologie di lavoro che verranno attuate ricalcheranno in buona parte quelle applicate dal Bayern Monaco.

Gli ingressi nei centri sportivi verranno scaglionati, e gli atleti saranno divisi in piccoli gruppi, in modo tale da evitare degli assembramenti troppo grandi, e saranno ripartiti su campi differenziati. Anche gli ambienti saranno diversificati e negli spogliatoi e nelle zone comuni saranno attuate delle misure che implicheranno delle limitazioni di contatto.

Il campionato ricomincia tra maggio e giugno

Tenendo in considerazione che serviranno almeno due settimane per la quarantena ed altre due per gli allenamenti, le date più probabili per la ripresa delle partite di campionato della Serie A sono il 24 o il 31 maggio. Il termine massimo per il “nuovo” fischio di inizio è stato fissato per il 7 giugno, al fine di non spingersi oltre la metà di luglio per l’ultima partita dal momento che tra giornate di campionato e recuperi in agenda saranno necessari ancora 12 turni per completare la stagione.

Le regole per far ripartire la Serie A

Prima di iniziare di nuovo gli allenamenti, le società sportive dovranno ottemperare ad alcune disposizioni, tra cui quella di sanificare tutti i centri sportivi e limitare gli ingressi dello staff al minimo e quindi circoscrivere le entrate di atleti, magazzinieri e cuochi che dovranno aver effettuato i test di idoneità.

Per gli ex pazienti COVID il percorso è leggermente diverso: dovranno sottoporsi ad uno screening completo per verificare e scongiurare possibili danni agli organi principali soprattutto quelli dell’apparato cardio-respiratorio.

Restano tuttavia alcune questioni aperte. Le varie commissioni mediche hanno infatti riscontrato delle problematiche in alcuni centri sportivi che non sono in grado di attuare queste disposizioni: solo 11 club su 20 infatti dispongono di strutture adeguate, le restanti nove dovranno fare affidamento a resort o hotel esterni, aumentando il possibile rischio di contagio.

Argomenti

# Calcio
# Fase 2

Iscriviti alla newsletter