Coronavirus, tutti i positivi nel calcio: grave Rustu, primo caso in Giappone

Neanche il mondo del calcio è stato risparmiato dal coronavirus con la Uefa che ha deciso di rinviare gli Europei: primo caso in Giappone mentre sarebbe in condizioni critiche l’ex portiere turco Recber Rustu.

Coronavirus, tutti i positivi nel calcio: grave Rustu, primo caso in Giappone

Non si placa l’emergenza coronavirus che, dopo essere partita dalla Cina e aver violentemente interessato altri Paesi come Italia, Iran e Corea del Sud, adesso si sta pericolosamente diffondendo anche nel resto del mondo.

Nessun settore sembrerebbe essere immune dal contagio, tanto che anche nel mondo del calcio si contano già diversi casi di positività con il Coni che ha deciso lo stop a ogni attività sportiva fino al 3 aprile e la Uefa che ha rinviato gli Europei al 2021.

Il primo caso che ha fatto ha fatto molto rumore è stato quello del difensore della Juventus Daniele Rugani, con i bianconeri che sono finiti in isolamento al pari dell’Inter ultimo avversario dei ragazzi di mister Sarri.

Per ultimi sono risultati positivi al coronavirus l’allenatore Fatih Terim, l’attaccante argentino della Juventus Paulo Dybala, insieme alla fidanzata, il dirigente e bandiera del Milan Paolo Maldini e il figlio Daniel che gioca proprio con i rossoneri.

In totale nella nostra Serie A finora sarebbero tredici i calciatori contagiati considerando la guarigione di Manolo Gabbiadini, con Sampdoria che al momento è il club più colpito con ben quattro calciatori contagiati.

Con quasi tutti i campionati fermi, si gioca solo in Bielorussia e Nicaragua oltre all’Angola, non sono belle le ultime notizie che arrivano dalla Turchia con l’ex portiere Recber Rustu che sarebbe in gravi condizioni.

Coronavirus: i contagiati nel calcio in Italia

L’elenco dei calciatori appartenenti a squadre italiane che sono risultati positivi al coronavirus.

NomeNazionalitàSquadra
Daniele Rugani Italia Juventus
Blaise Matuidi Francia Juventus
Paulo Dybala Argentina Juventus
Paolo Maldini Italia dirigente Milan
Daniel Maldini Italia Milan
Manolo Gabbiadini* Italia Sampdoria
Albin Ekdal Svezia Sampdoria
Antonino La Gumina Italia Sampdoria
Morten Thorsby Norvegia Sampdoria
Fabio Depaoli Italia Sampdoria
Dusan Vlahovic Serbia Fiorentina
German Pezzella Argentina Fiorentina
Patrick Cutrone Italia Fiorentina
Marco Sportiello Italia Atalanta
Mattia Zaccagni Italia Verona
Alessandro Favalli Italia Reggiana
Andrea Tessiore Italia Vis Pesaro
Andrea Saraniti Italia Vicenza

*guarito

In Italia il primo calciatore della nostra massima serie a essere colpito è stato Daniele Rugani, con Juventus e Inter in isolamento, mentre notizia recente è la positività di Blaise Matuidi e Paulo Dybala.

La Sampdoria oltre al proprio medico sociale al momento conta quattro contagiati: Albin Ekdal, Fabio Depaoli, Antonino La Gumina e Morten Thorsby.

Tre positivi invece in casa Fiorentina Dusan Vlahovic, German Pezzella e Patrick Cutrone, che portano in totale e nove i casi di positività registrati in Serie A.

Due casi invece riguardano il Milan: oltre al direttore tecnico Paolo Maldini, è positivo anche il giovane figlio Daniel che gioca proprio con i rossoneri gravitando nell’orbita della prima squadra.

Oltre a Mattia Zaccagni del Verona e Marco Sportiello dell’Atalanta, i primi casi di coronavirus nel calcio hanno coinvolto la Pianese, club toscano che milita nel girone A della Serie C. In totale sono quattro i calciatori bianconeri contagiati oltre a un loro dirigente.

Sempre in terza serie è risultato positivo Alessandro Favalli della Reggiana, figlio di Giuseppe forte terzino della Lazio, mentre nella Vis Pesaro è stato contagiato il giovane Andrea Tessiore e nel Vicenza Andrea Saraniti.

La situazione in Europa

Anche in Germania dove il campionato è stato fermato ci sono dei casi, con il difensore dell’Hannover Timo Hubers che è risultato positivo così come un atleta dell’Herta Berlino.

Il virus non ha risparmiato neanche il Regno Unito con Mikel Arteta, allenatore dell’Arsenal, che è positivo al pari di Callum Hudson-Odoi del Chelsea primo caso tra i giocatori.

In Spagna in totale sono sette i casi di coronarivrus finora registrati: Jonathas dell’Elche, il cinese Wu Lei dell’Espanyol e cinque giocatori del Valencia tra cui l’argentino Ezequiel Garay, il francese Eliaquim Mangala e lo spagnolo José Luis Gayà. Il club spagnolo si è sbilanciato fino a dichiarare che il 35% dei loro calciatori siano positivi.

Anche in Svizzera c’è stato il contagio di Dominique Blanc, il presidente dell’Associazione Svizzera di Football che nel dare la notizia ha voluto rassicurare tutti dicendo di avere solo qualche lieve sintomo influenzale.

L’allarme coronavirus per ultimo è scattato anche in Portogallo, dove i due brasiliani Bruno Tabata ed Henrique in forza al Portimonense sarebbero risultati positivi.

In Turchia invece è notizia recente la positività di Fatih Terim, attuale allenatore del Galatasaray ed ex tecnico anche di Milan e Fiorentina, così come quella del tedesco Max Kruse in forza al Fenerbahce dell’ex portiere della nazionale Recber Rustu che sarebbe in condizioni critiche.

Primo caso di coronavirus anche nel massimo campionato giapponese, con l’esterno sinistro della nazionale e del Vissel Kobe, lo stesso club di Andres Iniesta, Gotoku Sakai che è risultato positivo.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Calcio

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.