Russia in contrazione: le sanzioni funzionano?

Violetta Silvestri

5 Aprile 2022 - 12:53

condividi

L’economia della Russia vacilla sotto il peso delle sanzioni occidentali e della guerra. Gli ultimi dati raccolti sulle attività produttive e commerciali del Paese parlano di contrazione.

Russia in contrazione: le sanzioni funzionano?

Le sanzioni alla Russia funzionano davvero? Stando agli ultimi dati gli effetti sull’economia nazionale ci sono e anche pesanti.

I PMI indicano un’ampia contrazione dell’attività che potrebbe essere solo all’inizio. L’aumento dei prezzi, le catene di approvvigionamento intrappolate, le esportazioni bloccate e il credito in stallo potrebbero portare a una recessione profonda e prolungata nello Stato guidato da Putin.

Le prospettive per la Russia potrebbero oscurarsi ulteriormente in seguito all’emergere nel fine settimana di accuse di massacri di civili da parte delle forze russe a Bucha e in altre città ucraine.

Le presunte atrocità respingeranno le aspettative per i colloqui di pace e aumenteranno la minaccia di sanzioni internazionali più punitive.

La Russia va in contrazione: l’economia sta crollando, i dati

Il settore privato russo ha subito un “sostanziale calo” delle attività il mese scorso, con l’impatto delle sanzioni e il crollo del rublo che hanno innescato il ribasso più netto delle condizioni operative dai blocchi di Covid-19 nel 2020, secondo S&P Global.

L’indice Russia Composite PMI è sceso a 37,7 a marzo da 50,8 del mese precedente, ha affermato S&P in un sondaggio del 5 aprile, con entrambi i servizi e le società manifatturiere che hanno registrato forti diminuzioni.

L’attività delle imprese di servizi in Russia ha registrato un 38,1 dal 50,8 di febbraio, affondando al di sotto della soglia di 50 che separa la contrazione dalla crescita. Questa è stata la lettura più bassa dalla pandemia nel 2020 e inferiore alle previsioni.

Non solo, la scorsa settimana, S&P ha affermato che il PMI manifatturiero russo è diminuito a 44,1 da 48,6, con forti cali della produzione, dei nuovi ordini e delle esportazioni.

Sia le società di servizi che quelle manifatturiere hanno riportato il più forte aumento dei prezzi mai visto, mentre l’occupazione ha subito una forte contrazione poiché gli arretrati di lavoro sono diminuiti insieme alle prospettive per le attività future.

In una nota, gli economisti di Capital Economics hanno previsto che le sanzioni occidentali probabilmente spingeranno il Prodotto interno lordo russo a una contrazione del 12% nel 2022, mentre l’inflazione dovrebbe superare il 23% su base annua.

La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo ha stimato un drastico calo del 10% nell’economia russa, che rappresenterebbe la recessione più profonda del Paese da quasi 30 anni, con un PIL che sarà poi piatto nel 2023 ed entrerà in un periodo prolungato di crescita trascurabile.

Argomenti

# Russia

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Selezionati per te

Correlato