Riunione BCE: tassi e stimoli invariati. Lagarde si concentra su inflazione e Covid

Violetta Silvestri

22/07/2021

22/07/2021 - 18:07

condividi

Dalla riunione BCE di oggi 22 luglio nessuna sorpresa sui tassi, che restano invariati. C’è attesa sulle parole di Christine Lagarde nella conferenza stampa iniziata.

Riunione BCE: tassi e stimoli invariati. Lagarde si concentra su inflazione e Covid

La riunione BCE di oggi 22 luglio ha confermato il tasso di interesse e stimoli invariati, come previsto.

Nella consueta conferenza stampa dopo l’incontro, Christine Lagarde ha lanciato un chiaro messaggio: la BCE si è impegnata a mantenere i tassi di interesse ai minimi storici ancora più a lungo per aiutare la lenta inflazione nella zona euro a risalire al suo sfuggente obiettivo del 2%.

L’8 luglio scorso la governatrice ha annunciato che il target inflazione della banca sarà il 2%, con valore simmetrico. Questo significa che scostamenti superiori e inferiori dall’obiettivo saranno entrambi affrontati.

Nelle dichiarazioni appena rilasciate sulle decisioni è emerso che tutto resta invariato, con un ampio sostegno alla politica monetaria finora perseguita.

I tassi di interesse sono da tempo vicini al loro limite inferiore e le prospettive di inflazione a medio termine sono ancora ben al di sotto dell’obiettivo della BCE.

Pertanto, gli acquisti di PEPP e QE continueranno al ritmo attuale e nulla sarà mosso sul fronte tassi di interesse. Non c’è stata alcuna indicazione su date probabili per vedere un aumento.

Il target inflazione al 2% dovrà essere durevole e fino a quel momento non si prevedono cambi. L’incontro di settembre, con nuove previsioni, potrebbe essere più preciso.

Cosa ha deciso la BCE e quali sono state le parole salienti di Lagarde dopo l’incontro del 22 luglio?

Inflazione, variante Delta, tassi ai minimi: cosa ha detto Lagarde?

Non ci sono state sorprese nelle parole di Lagarde dopo la prima riunione segnata dal debutto della guidance rivista.

Riassumendo, questo il punto da Francoforte: l’economia dell’area euro è in forte ripresa. Ma le prospettive continuano a dipendere dalla pandemia e dai progressi con le vaccinazioni.

La variante Delta è una minaccia, soprattutto per il settore dei servizi e per l’avvio del turismo. Molto dipenderà da cosa accadrà su questo fronte e sulle mosse dei Governi.

Una domanda debole e un’offerta strozzata da ritardi potrebbero rappresentare dei rischi, sebbene ci sia un certo equilibrio per Lagarde.

Sul tema inflazione, l’attuale aumento dovrebbe essere in gran parte temporaneo, con le pressioni sui prezzi sottostanti probabilmente aumenteranno gradualmente. L’inflazione a medio termine si manterrà però al di sotto del nostro obiettivo.

“Le nostre misure politiche, compresa la nostra guida anticipata rivista, aiuteranno l’economia a spostarsi verso una solida ripresa e, infine, porteranno la nostra inflazione al nostro obiettivo del 2%”, ha evidenziato Lagarde.

In definitiva, la BCE continuerà ad acquistare obbligazioni e manterrà i suoi tassi di interesse profondamente negativi nel tentativo di spostare l’economia della zona euro fuori dal suo persistente modello di inflazione lenta.

Verrà tollerato un superamento moderato e transitorio del suo obiettivo di inflazione, insistendo sulla di una politica “persistente” quando i tassi sono vicini al punto più basso in cui i tagli sono efficaci, come lo sono ora.

Il tono e le decisioni, quindi, sono rimaste ampiamente in un territorio dovish.

Riunione BCE: aggiornamenti in diretta

15.30

Finisce la conferenza

Lagarde saluta e termina la conferenza stampa. Prossimo meeting il 9 settembre.

15.16

Previsioni economiche di settembre

Lagarde sottolinea l’importanza delle previsioni di settembre, soprattutto per l’inflazione.

14.56

PEPP

Il PEPP non è stato discusso; nessuno vuole stringere prematuramente gli stimoli: ha precisato Lagarde.

14.53

Obiettivo inflazione

Per Lagarde, l’orizzonte vicino è un punto medio sopra il 2%. A lungo termine: inflazione sostenibile e durevole. L’inflazione non può essere inferiore al 2% e pensare di aumentare i tassi.

14.50

Non unanimità

“Non una decisione unanime sulle linee guida”, ha evidenziato Lagarde. EUR/USD torna in rialzo.

14.45

Lagarde risponde ai giornalisti

Iniziano le domande dei giornalisti

14.44

Situazione Eurozona

L’Eurozona ha visto un rimbalzo e la strada è buona per una crescita nel terzo trimestre, ma la situazione dipende ancora da pandemia e dal ritmo delle vaccinazioni.

14.40

Situazione inflazione

Inflazione in rialzo al momento è guidata dai prezzi energetici, dall’impatto pandemia e dalle decisioni della Germania sull’IVA. L’inflazione nel medio termine crescerà ma al di sotto del target. L’inflazione aumenterà ulteriormente nei prossimi mesi e diminuirà nuovamente l’anno prossimo.

14.39

Problema occupazione

“Ci sono 3,3 milioni di persone occupate in meno rispetto a prima della pandemia”, ha sottolineato Lagarde

14.38

Variante Delta

Lagarde discute l’impatto negativo della variante covid Delta sul settore dei servizi. La pandemia getta ancora ombre sulla ripresa.

14.35

Target inflazione non raggiunto

Inflazione ancora al di sotto dell’obiettivo, politica ancora accomodante per Lagarde

14.30

Inizia la conferenza

“Prima conferenza post-nuova strategia: nuove comunicazioni, nuovo approccio più semplice per informare sulle decisioni”: questa la prima dichiarazione della Lagarde.

14.22

Attesa per la conferenza stampa

Christine Lagarde sta per parlare in conferenza: spiegherà politica monetaria e target inflazione al 2%.

14.10

Euro/Dollaro

L’EUR/USD si avvicina ai minimi giornalieri, ma ancora sopra 1,1751, il primo livello di supporto.

14.00

Decisioni di politica monetaria

Nella sua recente revisione della strategia, il Consiglio direttivo ha concordato un obiettivo di inflazione simmetrica del due per cento a medio termine. I principali tassi di interesse della BCE sono da tempo vicini al loro limite inferiore e le prospettive di inflazione a medio termine sono ancora ben al di sotto dell’obiettivo del Consiglio direttivo. In queste condizioni, il Consiglio direttivo ha rivisto oggi la sua forward guidance sui tassi di interesse. Lo ha fatto per sottolineare il suo impegno a mantenere un orientamento di politica monetaria costantemente accomodante per raggiungere il suo obiettivo di inflazione. A sostegno del suo obiettivo di inflazione simmetrica del due per cento e in linea con la sua strategia di politica monetaria, il Consiglio direttivo prevede che i principali tassi di interesse della BCE rimarranno ai livelli attuali o inferiori fino a quando non vedrà l’inflazione raggiungere il due per cento ben prima della fine del il suo orizzonte di proiezione e durevolmente per il resto dell’orizzonte di proiezione, e ritiene che il progresso realizzato nell’inflazione sottostante sia sufficientemente avanzato da essere coerente con l’inflazione che si stabilizza al due per cento nel medio termine. Ciò può anche implicare un periodo transitorio in cui l’inflazione è moderatamente al di sopra dell’obiettivo. Dopo aver confermato la valutazione di giugno sulle condizioni di finanziamento e le prospettive di inflazione, il Consiglio direttivo continua a prevedere che gli acquisti nell’ambito del programma di acquisto di emergenza pandemico (PEPP) nel trimestre in corso saranno condotti a un ritmo significativamente più elevato rispetto ai primi mesi dell’anno. Il Consiglio direttivo ha inoltre confermato le sue altre misure a sostegno del suo mandato di stabilità dei prezzi, vale a dire il livello dei principali tassi di interesse della BCE, i suoi acquisti nell’ambito del programma di acquisto di attività (APP), le sue politiche di reinvestimento e le sue operazioni di rifinanziamento a più lungo termine. Nello specifico:
Il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principale e i tassi di interesse sulla linea di rifinanziamento marginale e sulla linea di deposito rimarranno invariati rispettivamente allo 0,00%, 0,25% e -0,50%.
A sostegno del suo obiettivo di inflazione simmetrica del due per cento e in linea con la sua strategia di politica monetaria, il Consiglio direttivo prevede che i principali tassi di interesse della BCE rimarranno ai livelli attuali o inferiori fino a quando non vedrà l’inflazione raggiungere il due per cento ben prima della fine del il suo orizzonte di proiezione e durevolmente per il resto dell’orizzonte di proiezione, e ritiene che il progresso realizzato nell’inflazione sottostante sia sufficientemente avanzato da essere coerente con l’inflazione che si stabilizza al due per cento nel medio termine. Ciò può anche implicare un periodo transitorio in cui l’inflazione è moderatamente al di sopra dell’obiettivo. Gli acquisti netti nell’ambito dell’APP continueranno a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro. Il Consiglio direttivo continua ad aspettarsi che gli acquisti netti mensili di attività nell’ambito dell’APP dureranno per tutto il tempo necessario a rafforzare l’impatto accomodante dei suoi tassi ufficiali e che termineranno poco prima di iniziare ad aumentare i tassi di interesse chiave della BCE. Il Consiglio direttivo intende inoltre continuare a reinvestire integralmente il capitale dei titoli in scadenza acquistati nell’ambito dell’APP per un lungo periodo di tempo oltre la data in cui inizia ad alzare i tassi di riferimento della BCE, e comunque per tutto il tempo necessario mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di accomodamento monetario. Il Consiglio direttivo continuerà a effettuare acquisti netti di attività nell’ambito del PEPP con una dotazione complessiva di 1.850 miliardi di euro almeno fino alla fine di marzo 2022 e, comunque, fino a quando non giudicherà conclusa la fase di crisi del coronavirus. Poiché le informazioni in arrivo hanno confermato la valutazione congiunta delle condizioni di finanziamento e delle prospettive di inflazione effettuata alla riunione di politica monetaria di giugno, il Consiglio direttivo continua a prevedere che gli acquisti nell’ambito del PEPP nel trimestre in corso saranno condotti a un ritmo significativamente più elevato rispetto al primo mesi dell’anno. Il Consiglio direttivo acquisterà in modo flessibile in base alle condizioni di mercato e al fine di prevenire un inasprimento delle condizioni di finanziamento non coerente con il contrasto dell’impatto al ribasso della pandemia sul previsto percorso dell’inflazione. Inoltre, la flessibilità degli acquisti nel tempo, tra classi di attività e tra giurisdizioni continuerà a supportare la trasmissione regolare della politica monetaria. Se è possibile mantenere condizioni di finanziamento favorevoli con flussi di acquisto di attività che non esauriscono la dotazione nell’orizzonte di acquisto netto del PEPP, la dotazione non deve essere utilizzata per intero. Allo stesso modo, la dotazione può essere ricalibrata se necessario per mantenere condizioni di finanziamento favorevoli per aiutare a contrastare lo shock pandemico negativo sul percorso dell’inflazione. Il Consiglio direttivo continuerà a reinvestire il capitale dei titoli in scadenza acquistati nell’ambito del PEPP almeno fino alla fine del 2023. In ogni caso, il futuro roll-off del portafoglio PEPP sarà gestito per evitare interferenze con l’orientamento di politica monetaria appropriato. Il Consiglio direttivo continuerà a fornire ampia liquidità attraverso le sue operazioni di rifinanziamento. In particolare, la terza serie di operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine (TLTRO III) resta un’interessante fonte di finanziamento per le banche, a sostegno del credito bancario alle imprese e alle famiglie.

13.45

Decisione sui tassi

Tasso di interesse a 0,00% e tasso sui depositi a -0,50%: questa la decisione senza sorprese della BCE.

Argomenti

# BCE

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.