Recovery Fund: primi piani approvati, quando l’ok per l’Italia?

Violetta Silvestri

17/06/2021

17/06/2021 - 16:32

condividi

Si accendono i riflettori sul Recovery Fund: l’Italia riuscirà ad avere il via libera al piano entro l’estate? L’UE ha approvato tre progetti: quando ci sarà l’ok per il Belpaese?

Recovery Fund: primi piani approvati, quando l'ok per l'Italia?

Recovery Fund in primo piano: l’UE ha acceso la luce verde per tre piani nazionali, accelerando così sulla ricezione delle prime risorse.

Quando sarà il momento dell’ok al Piano nazionale di ripresa e resilienza per l’Italia? Con il NextGenerationEU avviato grazie al lancio del primo bond europeo di debito comune, cresce l’attesa per avere il via libera.

E sperare, quindi, nell’erogazione dei primi fondi miliardari a luglio. A che punto siamo in Italia e quali Recovery Plan sono stata già approvati?

Recovery Plan: Spagna, Grecia,Portogallo promossi

Lo ha annunciato la stessa Ursula Von der Leyen: due piani nazionali sono stati accolti con favore dalla Commissione.

La presidente della Commissione UE ha salutato con entusiasmo il progetto di Madrid: “Con investimenti per posti di lavoro, crescita, energia più pulita e tecnologie digitali, è il piano di ripresa di cui la Spagna ha bisogno ora e per il futuro. Facciamo in modo che sia un successo, insieme.”

Un commento simile è stato espresso per il Portogallo: “Obrigada per il vostro duro lavoro sul piano di risanamento. Il piano portoghese è ambizioso, lungimirante e, soprattutto, aiuterà a costruire un futuro migliore per il popolo portoghese.”

Nel dettaglio, Lisbona ha richiesto e ottenuto 13,9 miliardi di euro in trasferimenti e prestiti pari a 2,7 miliardi di euro nel periodo 2021-2026.

La Spagna ha fatto affidamento soltanto alle sovvenzioni per un totale di 69,5 miliardi di euro. Il suo piano ingloba il 48% di misure per il clima e il 28% di progetti orientati alla digitalizzazione. Oltre a prevedere riforme su lavoro, pensioni, spending review e conti pubblici.

Il via ai primi piani nazionali è arrivato dopo che la Commissione Europea ha lanciato la sua prima tranche di Recovery Bond, con raccolta di 20 miliardi di euro tramite un’obbligazione a 10 anni con scadenza il 4 luglio 2031 “per finanziare la ripresa dell’Europa dalla crisi del coronavirus e dalle sue conseguenze.”

Anche la Grecia ha avuto l’ok. Il piano approvato dalla Commissione è di 30,5 miliardi di euro e ingloba
17,8 miliardi di sovvenzioni e di 12,7 miliardi in prestiti.

Quando ci sarà l’ok al Pnrr dell’Italia?

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza italiano è stato presentato nei tempi previsti, con consegna a Bruxelles entro il 30 aprile.

Ora l’interrogativo è: quando arriverà l’approvazione della Commissione? C’è attesa, considerando che il via libera concretizza l’erogazione dei fondi, con la prima tranche del 13% entro luglio.

Per il nostro Paese si tratterebbe di circa 25 miliardi di euro. Il Commissario Gentiloni ha parlato di una prossima settimana intensa per il lavoro di esame e approvazione dei piani, tra i quali quello dell’Italia. Entro giugno arriverà l’ok?

Ursula Von der Leyen è attesa a Roma il 22 giugno. Il Governo Draghi spera che a fine mese possa giungere la promozione della Commissione UE per il Recovery Plan italiano. Quest’ultimo, infatti, resta l’ancora di salvezza per cambiare il sistema Paese e stimolare una crescita duratura.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.