Recovery Fund da €750 miliardi (gran parte a fondo perduto). Il piano Von der Leyen

Alzato il velo sul piano preparato dalla Commissione europea per contrastare l’epidemia. Gran parte delle misure previste nel Piano Von der Leyen saranno a fondo perduto.

750 miliardi di euro, di cui 500 miliardi a fondo perduto e 250 di prestiti. Queste le cifre relative il Recovery Fund, il Fondo per la ripresa dell’economia europea dalla crisi del Coronavirus.

Il piano, presentato dal presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen davanti all’Europarlamento riunito in seduta plenaria, rappresenta la proposta della Commissione europea per potenziare il bilancio Ue.

Recovery Fund: compromesso tra falchi e colombe

Il piano da un lato viene incontro alle richieste di Francia e Germania, che avevano proposto 500 miliardi di euro a fondo perduto, e include anche la volontà di alcuni Paesi (tra cui Austria e Olanda) che invece erano orientati su un piano composto da prestiti.

Le risorse saranno reperite tramite emissioni obbligazionarie a lungo termine e ripagate tramite risorse dell’Unione in arrivo da provvedimenti come la plastic tax, lo stop all’elusione fiscale dei giganti del Web e un nuovo sistema di pagamento delle quote per inquinare.

Dopo la fase di approvazione, il Piano Von der Leyen dovrà passare al vaglio sia dell’Europarlamento sia dei 27 governi dell’Unione. Il Recovery Fund sarà parte integrante del nuovo bilancio 2021-2027 dell’Unione Europea che avrà una dotazione di 1.100 miliardi di euro (più, appunto, il Recovery Fund).

Recovery Fund: il ruolo dell’Italia

Stando alle prime indiscrezioni, tramite il Recovery Fund nel nostro Paese potrebbero arrivare 173 miliardi di euro. L’Italia incasserà circa il 20% perché definita “Paese maggiormente colpito” da virus e recessione.

I fondi del Recovery Fund destinati all’Italia saranno così costituiti:

  • 82 miliardi di euro in contributi a fondo perduto;
  • 91 miliardi di euro in prestiti.

“Una svolta europea per fronteggiare una crisi senza precedenti”, ha commentato su Twitter il Commissario all’economia Paolo Gentiloni.

Ftse Mib sopra 18 mila, spread sotto 200 pb

Dopo la pubblicazione dei numeri relativi il Recovery Fund, il listino di Piazza Affari, il Ftse Mib, segna un rialzo dell’1,25% a 18,084 punti, il Dax sale dell’1,63% e l’Euro Stoxx 50 guadagna l’1,6%.

Lo spread con i titoli tedeschi segna un rosso di oltre 3 punti percentuali a 193,6 punti base.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories