RBA: tassi invariati. Ultima riunione per Stevens dopo 10 anni in carica

Australia: RBA non stupisce e lascia i tassi invariati dopo il taglio di agosto. Per Stevens è l’ultima riunione come governatore. Sotto di lui i tassi sono scesi dal 6% all’1.5%.

La Reserve Bank d’Australia ha rispettato le attese mantenendo i tassi di interesse invariati ai minimi record dell’1,5 per cento dopo il taglio effettuato nel mese di agosto.

La decisione dettata dalla cautela permette al governatore della RBA, Glenn Stevens, di avvicinarsi alla fine della sua carica in modo tipicamente sobrio. La riunione la riunione del consiglio di politica monetaria di oggi è stato il suo ultimo incontro alla guida della banca centrale dell’Australia.

Il 17 settembre Stevens si dimetterà dopo 10 anni a capo della Reserve Bank of Australia, lasciando spazio all’attuale vice governatore Philip Lowe. Il passaggio è stato a lungo discusso, soprattutto in considerazione del fatto che Stevens ha portato i tassi di interesse dal 6 per centro all’1.5% durante il suo mandato come presidente.

La dichiarazione di politica monetaria di oggi è stata accuratamente formulata - come sempre - dal governatore uscente. Stevens ha essenzialmente preso la dichiarazione di agosto parola per parola d a parte il riferimento al taglio.

L’unica variazione degna di nota è stata la sua decisione di omettere ogni riferimento ad un calo del rischio per la bolla immobiliare sulla scia dei dati di agosto che hanno mostrato un forte rialzo dei prezzi mese a Melbourne e Sydney.

«Tutto questo suggerisce che la probabilità che i bassi tassi di interesse aggravino i rischi per il mercato immobiliare è diminuita»,

aveva dichiarato Stevens durante l’annuncio sul taglio dei tassi ad agosto.

La dichiarazione di settembre mantiene la view di un moderato aumento dei prezzi dell’ultimo anno, ma ha escluso la frase di cui sopra.

Non è stata offerta alcuna forward guidance utile per gli investitori e i forex trader.

«Tenendo conto delle informazioni disponibili, e avendo alleggerito la politica monetaria nelle riunioni di maggio e agosto, il Consiglio ha convenuto che mantenere l’orientamento della politica invariata a questo incontro sarebbe stato coerente con una crescita sostenibile dell’economia e il raggiungimento dell’obiettivo di inflazione nel corso del tempo»,

ha dichiarato Stevens.

Il risultato anticipato ha tolto volatilità al dollaro australiano alla vigilia delle dichiarazioni della RBA.

La valuta australiana ha inaugurato un periodo di forte volatilità da quando Stevens è salito al comando della Reserve Bank of Australia nel settembre del 2006, ma attualmente il cambio AUD/USD si trova assai vicino alla quotazione di 10 anni fa.

I trader sono diventati più rialzisti sull’economia australiana dalla riunione di agosto, con una crescente convinzione che il rallentamento della crescita trimestrale a giugno non possa essere sufficiente a fermare la corsa della crescita annua verso ai massimi di quattro anni.

Ma dopo 110 riunioni come governatore, il signor Stevens non deve più preoccuparsi di nulla.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.