Quarantena e isolamento, le nuove regole spiegate: la circolare del ministero della Salute

Marta Zanierato

31 Marzo 2022 - 00:08

condividi

Dal 1° aprile cambiano le restrizioni imposte per l’emergenza Covid: ma prima di considerarsi completamente liberi, ecco nel dettaglio cosa cambierà e quali regole rimarranno.

Quarantena e isolamento, le nuove regole spiegate: la circolare del ministero della Salute

Il ministero della Salute rende note le nuove modalità per la gestione dei casi Covid-19. Con la circolare, che segue l’approvazione del decreto legge del 24 marzo 2022, il ministero fa chiarezza sulle nuove regole: si va dall’isolamento solo per i positivi, all’auto sorveglianza di 10 giorni per i contatti stretti, fino ai tamponi quotidiani per gli operatori sanitari nei cinque giorni seguenti all’ultimo contatto con un soggetto contagiato.
 
Non solo, con le nuove regole dettate dal ministero della Salute, dal 1° aprile cambieranno anche le disposizioni che riguardano i luoghi pubblici a cui accedere anche senza green pass.

Nuova modalità di gestione dei casi Covid: ecco le nuove regole

Con l’entrata in vigore del nuovo decreto, ecco come cambierà la vita degli italiani dal 1° aprile 2022, data da cui non si parlerà più di stato di emergenza:
 

  • se i soggetti vaccinati con booster o con ciclo vaccinale completato da meno di 120 giorni risultano positivi al test diagnostico per Sars-Cov-2, questi devono sottoporsi all’isolamento per almeno 7 giorni e non più di 10. Al termine di questo periodo va eseguito un test molecolare o antigenico che, in caso di esito negativo, mette fine all’isolamento;
  • a coloro che, invece, hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al Covid-19 si applicherà un regime di auto sorveglianza, che consiste nell’obbligo d’indossare mascherine FFP2, al chiuso o in presenza di assembramenti, fino al decimo giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto. In più la circolare precisa: “Se durante il periodo di auto sorveglianza, si manifestano sintomi suggestivi di possibile infezione da Sars-Cov-2, è raccomandata l’esecuzione immediata di un test antigenico o molecolare per la rilevazione di Sars-Cov-2 che in caso di risultato negativo va ripetuto, se ancora sono presenti sintomi, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto”;
  • per quanto riguarda gli operatori sanitari, invece, questi devono eseguire un test antigenico o molecolare su base giornaliera fino al quinto giorno dall’ultimo contatto con un soggetto contagiato.

1° aprile: ecco le nuove regole per gli spazi all’aperto e al chiuso

Dal 1° aprile l’Italia non sarà più in stato di emergenza a causa del Covid.

Attenzione però a non prendersi troppe libertà. Fino al 30 aprile, resta l’obbligo di mascherine al chiuso e l’obbligo di green pass per molte attività o luoghi di lavoro.
 
Ecco qui una lista che spiega i cambiamenti per ogni luogo pubblico, all’aperto e al chiuso.
 

  • Per i negozi non sarà più richiesto alcun tipo di green-pass, basterà la mascherina (anche quella chirurgica);
  • lo stesso discorso che vale per i negozi varrà anche per musei, uffici pubblici, banche e poste;
  • per quanto riguarda cinema e teatri, se l’evento si svolge all’aperto di dovrà mostrare green pass base e portare con sé la mascherina FFP2. Se invece l’evento è al chiuso sarà essenziale il super green pass;
  • nei bar e nei ristoranti, si potrà prendere un caffè o pranzare all’aperto. Al chiuso, invece, servirà sempre la mascherina e il certificato verde base fino al 30 aprile;
  • per gli eventi sportivi qualche regola in più: all’aperto basta il green pass base. Per gli eventi al chiuso, per esempio nei palazzetti dello sport, resta l’obbligo di super green pass. È sempre richiesta, sia allo stadio che al palazzetto dello sport, la mascherina FFP2. 
  • per le feste e i ricevimenti, ogni invitato dovrà essere munito di super green pass;
  • per alloggiare negli alberghi non servirà più nemmeno il tampone: dal 1° aprile, infatti, cade ogni obbligo di green pass negli alberghi e nelle strutture ricettive come i bed&breakfast;
  • ancora per un mese, e cioè dal 1° al 30 aprile, a tutti coloro che salgono su mezzi di trasporto nazionali sarà richiesto il green pass base.
  • dal 1° aprile decade l’obbligo di green pass anche per bus, tram e metropolitane; l’unico obbligo sarà la mascherina.

Argomenti

# Regole

Iscriviti a Money.it