Il petrolio riprende la corsa: l’offerta si restringe ancora

Violetta Silvestri

4 Maggio 2022 - 08:38

condividi

Prezzo del petrolio torna a crescere spinto sul lato dell’offerta: scorte in calo negli Usa e possibile embargo Ue stanno rendendo il mercato più stretto, in quella che ormai è una crisi energetica.

Il petrolio riprende la corsa: l'offerta si restringe ancora

I prezzi del petrolio aumentano di oltre l’1%, dopo che i dati del settore hanno mostrato ribassi delle scorte di greggio e carburante statunitensi, sollevando preoccupazioni sull’offerta e compensando i timori legati al rallentamento della domanda dal principale importatore cinese.

Non solo, i guadagni arrivano sulla scia della notizia di martedì 3 maggio che l’Unione Europea sta lavorando a nuove sanzioni contro la Russia, che probabilmente prenderanno di mira l’industria petrolifera di Mosca.

In questa cornice in cui si rafforza il quadro di un’offerta più carente, alle ore 8.21 circa il Brent scambia a 106 dollari al barile con un rialzo dell’1,42% e il WTI viaggia sui 104 dollari al barile con un aumento dell’1,52%.

Petrolio di nuovo in aumento: il problema è l’offerta

Il prezzo del petrolio avanza poiché i dati del settore hanno indicato un calo delle scorte statunitensi e i trader si sono preparati a possibili frenate dell’Unione Europea sul greggio russo.

Martedì 3 maggio, il West Texas Intermediate è rimbalzato a 104 dollari al barile dopo essere sceso di oltre il 2% per la preoccupazione che i blocchi antivirus in Cina stiano colpendo la domanda di energia.

Oggi a dare la spinta alle quotazioni è soprattutto la notizia che negli Stati Uniti le scorte di greggio e combustibili sono diminuite la scorsa settimana, secondo fonti di mercato che citano i dati dell’American Petroleum Institute.

Le scorte sono calate di 3,5 milioni di barili per la settimana terminata il 29 aprile, più del previsto ribasso di 800.000 barili di un sondaggio Reuters.

Il petrolio è stato colpito dalla volatilità quest’anno, mentre registra guadagni mensili. Gli Stati Uniti e il Regno Unito si sono già mossi per vietare il greggio russo, e c’è pressione affinché l’Unione Europea segua l’esempio, soprattutto dopo che Mosca ha soffocato le forniture di gas naturale a Polonia e Bulgaria.

“Il sentimento è altalenante tra il rialzo a causa del divieto graduale proposto dall’Ue sul petrolio russo e il sentiment al ribasso dovuto alle preoccupazioni sulla domanda”, soprattutto in Cina, ha affermato Vandana Hari, fondatrice di Vanda Insights a Singapore. “L’impatto netto sembra essere una lenta riduzione dei prezzi a breve termine.”

Caroline Bain, capo economista delle materie prime di Capital Economics ritiene che la situazione cinese sta mettendo più pressione sul petrolio rispetto alla crisi dell’offerta: “il quadro generale è chiaramente negativo per la domanda di materie prime, ha affermato, aggiungendo che l’aumento dell’inflazione e dei tassi di interesse stanno iniziando a pesare sulla spesa.

“Sebbene i vincoli di offerta possano mantenere elevati i prezzi delle materie prime ancora per un po’ di tempo, riteniamo che una domanda debole peserà sulla maggior parte dei prezzi entro la fine dell’anno e nel 2023”, secondo l’esperta.

Intanto, gli investitori petroliferi stanno anche facendo il conto alla rovescia per un incontro di giovedì 5 maggio dell’OPEC e dei suoi alleati sulla politica di produzione. Il gruppo di 23 nazioni dovrebbe ratificare un altro modesto aumento dell’offerta tra i segnali che l’alleanza non riesce a fornire i volumi concordati.

Argomenti

# Brent
# WTI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.