Pirelli, ultimo giorno in Borsa dopo 93 anni di storia

Francesco Lucchetti

5 Novembre 2015 - 09:12

condividi

Dopo 93 anni Pirelli & C. SpA lascia la Borsa italiana e saluta Piazza Affari. Per un capitolo che si chiude, se ne apre un altro: ecco cosa accadrà al colosso italiano.

Pirelli, ultimo giorno in Borsa dopo 93 anni di storia

Il marchio Pirelli dice addio alla Borsa italiana e saluta Piazza Affari dopo 93 anni di storia: oggi è l’ultimo giorno per le azioni Pirelli, da domani saranno revocate e il marchio del conosciutissimo pneumatico italiano entrerà a far parte di Bidco, altrimenti nota come Marco Polo Industrial Holding.

Le azioni Pirelli sono state già sospese dalle quotazioni e domani spariranno del tutto dalla Borsa valori, cedendo il posto a Bidco, società controllata da ChemChina che si propone così di dar vita al quarto gruppo mondiale del settore degli pneumatici.

93 anni di storia per Pirelli
L’azienda nasce nel 1872 e già nel 1922 la Pirelli & C. SpA sbarca nella Borsa italiana e dà il via a quello che sarà un lungo percorso di successi che porteranno l’industria guidata da Marco Tronchetti Provera a divenire il quinto gruppo mondiale del segmento. Oggi si chiude un capitolo, ma se ne apre un altro: il marchio Pirelli non sparirà nel nulla, ma entrerà a far parte di un gruppo maggiore.

Cos’è Marco Polo Industrial Holding?
Con una serie di acquisti massicci la società Marco Polo Industrial Holding (Bidco) ha raggiunto ad ottobre l’86,982% delle azioni Pirelli e successivamente il target del 90% del capitale, che ha portato il suo programma di acquisizione alle fasi conclusive con l’acquisto obbligatorio anche della quota residuale a 15 € ad azione. La società è controllata per il 65% da ChemChina e per il restante 35% da Camfin, azienda italiana di proprietà di Marco Tronchetti Provera, Intesa Sanpaolo e Unicredit.

Pirelli: il cuore rimarrà in Italia
Come era stato annunciato dall’amministratore delegato Marco Tronchetti Provera nello scorso marzo

“Pirelli ha un azionista di maggioranza cinese, ma testa e cuore rimangono in italia. Quindi continua il suo cammino e si rafforza.”

Non si è trattato solo di un modo di dire, ma la sede della società rimarrà in Italia, così come il centro di ricerca e sviluppo. Non è escluso inoltre che Pirelli Tyre possa tornare ad essere quotata nella Borsa di Milano, ma per saperlo occorrerà attendere almeno quattro anni.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.