Petrolio all’insegna della volatilità: nella notte crolla del 20%

Violetta Silvestri

16 Marzo 2022 - 08:36

condividi

I prezzi del petrolio tornano in rialzo stamane, dopo aver perso circa il 20% negli scambi di ieri. La volatilità scuote il greggio in questo momento storico così delicato, tra guerra e sanzioni.

Petrolio all'insegna della volatilità: nella notte crolla del 20%

I prezzi del petrolio aumentano oggi 16 marzo, riprendendosi dopo i precedenti e straordinari ribassi della giornata di ieri.

L’invasione russa dell’Ucraina continua ad alimentare scambi instabili, a causa di colloqui diplomatici assai incerti e complessi.

Alle ore 8.17 circa, la quotazione Brent viaggia sui 102 dollari al barile con un aumento del 2,27% e i contratti sul WTI negoziano a 87,98 dollari al barile, segnando un +1,60%.

La volatilità dei prezzi del greggio è ormai una costante in questo contesto della guerra in Ucraina e della pesante crisi energetica.

Ieri, il petrolio si era stabilizzato sotto i 100 dollari, la prima volta dalla fine di febbraio. Le sessioni di trading sono state oscillanti dall’invasione russa, con i prezzi che hanno raggiunto i massimi da 14 anni il 7 marzo, ma da allora il Brent è sceso di quasi $ 40 al barile e il WTI di circa $ 34.

Petrolio a picco nella notte: prezzi giù del 20%

Le negoziazioni del petrolio di martedì 15 marzo sono state osservate con interesse dagli investitori.

Le quotazioni di riferimento statunitense e globale sono entrate ufficialmente in un mercato ribassista, appena cinque giorni di negoziazione dopo essersi stabilizzate ai prezzi più alti dal 2008.

Il crollo è stato spettacolare, ha commentato Fawad Razaqzada, analista di mercato di ThinkMarkets.

Il calo - di circa il 22% per i due contratti dall’8 marzo - è stato il più repentino per il WTI da un recente massimo in territorio di mercato ribassista dall’aprile 2020, quando i prezzi hanno impiegato solo un giorno per cadere in un mercato ribassista.

Per il Brent, ciò ha segnato la caduta più rapida in un mercato ribassista dal 1996, quando ci sono voluti cinque giorni di negoziazione per entrare in un mercato ribassista.

“Il principale fattore alla base della svendita del petrolio è stata la consapevolezza degli investitori che l’Europa non abbandonerà immediatamente l’approvvigionamento petrolifero russo”, secondo Razaqzada. “Tutto il resto è secondario, compreso il potenziale ritorno della fornitura di petrolio iraniana”.

Da evidenziare che i prezzi sono stati sotto pressione questa settimana anche per i timori di un rallentamento della domanda cinese, poiché il Paese più popoloso del mondo e il secondo consumatore di petrolio sta imponendo di nuovo misure rigorose per contenere la diffusione della variante Omicron.

Nel frattempo, l’OPEC ha evidenziato il rischio per le prospettive della domanda di petrolio derivante dalla guerra in Ucraina e dall’aumento dell’inflazione.

Nel suo rapporto mensile pubblicato martedì, il gruppo dei principali produttori di petrolio ha affermato che avrebbe lasciato le sue previsioni economiche e le sue stime sulla domanda di greggio del 2022 e sulla crescita dell’offerta “sotto valutazione”. Ha avvertito che l’inflazione accumulata dalla guerra Russia-Ucraina potrebbe ridurre il consumo di petrolio.

In generale, tuttavia, “la continua invasione russa dell’Ucraina probabilmente causerà maggiori perturbazioni al commercio globale, se non alle esportazioni di energia direttamente”, ha detto a MarketWatch Marshall Steeves, analista dei mercati energetici di S&P Global Commodity Insights.

Questo significa che permane il rischio al rialzo e l’attuale ritracciamento [dei prezzi] sembra essere una presa di profitto motivata dalle preoccupazioni della domanda cinese, secondo l’esperto.

Argomenti

# Brent
# WTI

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.