Perché le grandi banche di Wall Street temono l’impatto guerra

Violetta Silvestri

15 Aprile 2022 - 13:01

condividi

I grandi gruppi bancari Usa, da JP Morgan a Citigruop e Goldman Sachs, non nascondono potenziali ed effettive ricadute nei loro ricchi bilanci a causa della guerra. Cosa temono di più?

Perché le grandi banche di Wall Street temono l'impatto guerra

Le banche di Wall Street hanno rivelato che potrebbero verificarsi miliardi di dollari di potenziali perdite dovute alla guerra in Ucraina.

La volatilità innescata dalle tensioni geopolitiche è ampia e imprevedibile e può ancora causare danni secondo i colossi bancari statunitensi.

Analisti e dirigenti del settore hanno descritto tali eventuali perdite come gestibili, ma hanno espresso preoccupazione per i potenziali effetti di ricaduta, come, ad esempio, quello che ha portato alla cancellazione di alcuni scambi di nichel sul London Metal Exchange il mese scorso.

Cosa raccontano le trimestrali di grandi gruppi finanziari di Wall Street sull’impatto guerra?

La guerra può impattare sulle grandi banche: ecco come

I timori per perdite e sconvolgimenti nei bilanci per le conseguenze della guerra ucraina sono stati espressi proprio dai Ceo delle big banks di Wall Street.

In occasione della presentazione delle trimestrali, Jamie Dimon, amministratore delegato di JPMorgan Chase, ha dichiarato: “Non posso prevedere alcuno scenario in cui non ci sarà molta volatilità nei mercati”

David Solomon, il suo omologo di Goldman Sachs, ha affermato che i trader dovrebbero navigare in un nuovo terreno politico. L’invasione russa ha ulteriormente complicato il panorama geopolitico e ha creato un ulteriore livello di incertezza che mi aspetto sopravviverà alla guerra stessa.

Citigroup, che aveva cercato di disfarsi delle sue operazioni di vendita al dettaglio in Russia quando è iniziata la guerra, ha dovuto affrontare i maggiori venti contrari del conflitto. Ha affermato che le sue potenziali perdite potrebbero ammontare a $2,5-3 miliardi, oltre ad aver messo da parte $1 miliardo di riserve per perdite su prestiti mentre si preparava all’impatto.

La stima delle perdite della banca è complicata dalla questione se sarà in grado di vendere le sue partecipazioni russe mentre gli Stati Uniti e altri governi occidentali impongono sanzioni severe.

JPMorgan ha affermato di aver stanziato circa 300 milioni di dollari per coprire i ribassi sui prestiti associati alla Russia. Ha anche attribuito $ 120 milioni di una perdita commerciale di $524 milioni durante il trimestre al suo ruolo di controparte in uno short trade del gruppo metalmeccanico cinese Tsingshan, che si è rivelato disastroso in mezzo alle turbolenze del mercato seguite allo scoppio della guerra.

Goldman, che a febbraio ha rivelato che la sua esposizione alla Russia era di 650 milioni di dollari, ha dichiarato di aver subito una perdita netta di circa 300 milioni di dollari sugli investimenti relativi a Russia e Ucraina. 

In generale, comunque, le perdite riportate dalle banche statunitensi sono modeste rispetto ai loro guadagni, a sostegno dell’opinione di molti analisti di investimento all’inizio del conflitto in Ucraina secondo cui avrebbero affrontato meno rischi rispetto alle controparti europee. 

Tuttavia, permangono preoccupazioni.

Cos’è l’effetto guerra sulle grandi banche?

Nell’analisi di Financial Times sul tema, Eric Hagemann, analista di ricerca senior presso Pzena Investment Management ha chiarito:

“Il problema più significativo della Russia per le banche non è la loro esposizione diretta, ma la potenziale perturbazione del mercato delle materie prime che può far precipitare una recessione. I prezzi elevati del gas possono spingere i tassi di insolvenza delle carte di credito più in alto, in particolare all’estremità inferiore dello spettro di reddito, ma questo non è ancora apparso nei numeri riportati da nessuno”

L’impatto dell’invasione russa si è fatto sentire anche nell’investment banking, con un rallentamento dell’attività, in particolare nella sottoscrizione di azioni. I ricavi dell’investment banking sono diminuiti del 43% presso Citi, del 37% presso Morgan Stanley, del 36% presso Goldman e del 32% presso JPMorgan.

Con l’accresciuta volatilità [di mercato] i clienti hanno ritardato l’attività di emissione, hanno ossrevato gli esperti.

Il colpo è stato attutito da risultati migliori del previsto nei rami commerciali delle grandi banche, che hanno raccolto frutti inaspettati dall’intensa attività dei clienti in risposta alla volatilità dei prezzi delle materie prime e all’attuazione di un aumento dei tassi da parte della Federal Reserve

Per esempio, un grande vincitore dei mercati volatili è stato Goldman, che ha visto i ricavi della sua divisione commerciale aumentare del 4% a 7,87 miliardi di dollari, rimanendo al di sopra dei livelli pre-pandemia. I ricavi nel trading di reddito fisso, valute e materie prime hanno raggiunto i 4,7 miliardi di dollari, ben oltre le stime di 3,1 miliardi di dollari.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.