Per chi votare alle elezioni Bologna 2021? I programmi a confronto

Alessandro Cipolla

2 Ottobre 2021 - 20:52

condividi

Elezioni amministrative Bologna: le schede degli otto candidati sindaco e i programmi elettorali a confronto per capire per chi votare.

Per chi votare alle elezioni Bologna 2021? I programmi a confronto

Per chi votare alle elezioni amministrative a Bologna? Una domanda che si staranno ponendo molti cittadini felsinei, chiamati a scegliere tra gli otto aspiranti sindaco in campo.

Specie quando si parla di elezioni amministrative è sempre un bene focalizzarsi sui programmi elettorali dei candidati, per capire quali sono le proposte fatte dai candidati in merito alle problematiche che possono affliggere una città.

Ma cosa propongono gli aspiranti sindaco in queste elezioni a Bologna su temi fondamentali come quello dei trasporti o della sicurezza? Per scoprirlo, Money.it ha realizzato delle schede dei candidati elencando le proposte più significative contenute nei vari programmi elettorali.

Elezioni Bologna: per chi votare?

Per capire chi votare alle elezioni amministrative a Bologna, qui di seguito potete trovare le schede degli otto candidati sindaco e le principali proposte contenute nei loro programmi elettorali.

Matteo Lepore (centrosinistra, M5S)

Matteo Lepore è un politico del PD, attuale assessore alla Cultura che ha ottenuto l’investitura a candidato sindaco vincendo le primarie di coalizione. Oltre che dai dem, sarà sostenuto anche dal Movimento 5 Stelle e altre tre liste: Europa Verde, PSI-Volt e Coalizione Civica.

Principali proposte programmatiche:

  • Salute: presentazione di un pacchetto di misure e una strategia di riorganizzazione post-pandemia entro i primi 100 giorni del mandato da Sindaco, con relativa programmazione delle risorse comunali necessarie per quanto di competenza; implementazione degli ospedali di prossimità
  • Nuova politica industriale dell’area metropolitana fondata sulla transizione digitale, la transizione ecologica e l’innovazione tecnologica, capace di attrarre e valorizzare i talenti
  • Opere: riqualificazione della stazione ferroviaria Bologna Centrale, del Parco Nord, del Polo Fieristico e creazione di sei nuovi parchi urbani metropolitani
  • Trasporti: completamento del Servizio Ferroviario Metropolitano (SFM) con treni almeno ogni 5-15 minuti in ore di punta e linee passanti, diventando così una metropolitana di superficie utilizzabile anche all’interno di Bologna, pienamente integrato nel sistema della mobilità metropolitana
  • Cultura: Nuovo Museo Internazionale Morandi
Programma Matteo Lepore
Il programma elettorale per le elezioni Bologna 2021

Fabio Battistini (centrodestra)

Fabio Battistini è un imprenditore, che dopo essere sceso in campo in queste elezioni ha trovato poi l’appoggio anche dei partiti di centrodestra. Alle urne sarà sostenuto da una coalizione formata da cinque liste: Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Popolo della Famiglia e Bologna ci Piace

Principali proposte programmatiche:

  • Trasporti: nuovo Piano Urbano dei posti auto: 2.000 posti auto entro cinque anni; revisione del progetto Tram
  • Sicurezza: istituzione di task-force anti-degrado di quartiere; immediata espulsione dall’ateneo degli studenti universitari che commettono reati o comportamenti di degrado urbano
  • Città: istituzione di una Fondazione di partecipazione per gestire finanziamenti PNRR; spostamento dell’Ospedale Sant’Orsola-Malpighi in un’area periferica della città
  • Sport: incentivare la rigenerazione e la riqualificazione delle grandi infrastrutture dello sport bolognese, (nuovo stadio Renato Dall’Ara, nuovo palazzo della Virtus Segafredo Bologna, restyling del PalaDozza di piazza Azzarita)
  • Cultura: attribuzione al Sindaco la delega dell’Assessorato alla Cultura
Fabio Battistini
Il programma elettorale per le elezioni Bologna 2021

Federico Bacchiocchi (Partito Comunista dei Lavoratori)

Federico Bacchiocchi è un veterinario, già in passato candidato per il Partito Comunista dei Lavoratori alla Camera come aspirante deputato e alle elezioni amministrative a Bologna per un posto nel Consiglio Comunale.

Principali proposte programmatiche:

  • Ambiente: restituzione alla proprietà pubblica l’erogazione del servizio di distribuzione dell’acqua; contrasto alle grandi opere inutili e impattanti come la passante Nord
  • Fisco: tassa comunale straordinaria fortemente progressiva sui grandi patrimoni
  • Lavoro: istituzione di un salario di disoccupazione comunale per chi ha perso un lavoro
  • Scuola: abolizione finanziamento alla scuola privata
  • Casa: rilancio edilizia popolare, requisizione degli appartamenti sfitti e promozione di affitti a canone concordato
Federico Bacchiocchi
Programma elezioni Bologna 2021

Marta Collot (Potere al Popolo)

Marta Collot con i suoi 28 anni è la più giovane candidata in campo. Già alle regionali in Emilia Romagna del 2020 è stata la candidata Presidente di Potere al Popolo, ottenendo lo 0,37%, mentre questa volta correrà per la carica di sindaca.

Principali proposte programmatiche:

  • Lavoro: il collocamento lavorativo deve essere strappato dalle mani delle agenzie internali e garantito dalla Città Metropolitana, investendo inoltre sugli ispettorati del lavoro contro precarietà e lavoro nero: sia assunto un ispettore a fronte dell’apertura di ogni nuovo locale in ambito della ristorazione
  • Trasporti: rafforzare le linee di trasporto pubblico su cui si è disinvestito negli scorsi anni, rilanciare ex novo il progetto del Servizio Ferroviario Metropolitano, censire e smaltire l’amianto ancora presente in tanti fabbricati e nelle tubature della città, raddoppiare il verde urbano e riprogettare le ciclovie in sede separata e in sicurezza
  • Salute: istituire la figura del geriatra di zona
  • Casa: vengano cancellati i debiti di morosità contratti durante la pandemia, i fondi vengano recuperati dai ristori offerti ai grandi palazzinari, e d’ora in poi il canone d’affitto sia stabilito al massimo di 1/3 del reddito del nucleo inquilino
  • Uguaglianza di genere: nella città pubblica ci deve essere parità assoluta di salario tra uomini e donne

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DI MARTA COLLOT

Luca Labanti (Movimento 24 agosto-Equità Territoriale)

Luca Labanti è un avvocato, titolare di uno studio legale a Bologna specializzato in diritto di famiglia. In queste elezioni amministrative è il candidato sindaco del Movimento 24 agosto-Equità Territoriale di Pino Aprile

Principali proposte programmatiche:

  • Pari dignità sociale: difesa dell’Articolo 3 della Costituzione
  • Giustizia: via la corruzione e ogni forma di illegalità dai Palazzi e dalle strade
  • Sicurezza: non c’è sicurezza senza giustizia sociale
  • Bologna senza barriere, dove ognuno sia libero di muoversi
  • Sociale: una città inclusiva che si prenda cura delle persone più fragili
Luca Labanti
Programma elezioni Bologna 2021

Addolorata Palumbo (Sinistra Unita per Bologna)

Addolorata Palumbo è una geologa, attuale consigliere comunale dopo essere stata eletta nel 2016 tra le fila del Movimento 5 Stelle. Dopo la rottura con i pentastellati, è ora la candidata sindaca di Sinistra Unita per Bologna, una lista sostenuta da Rifondazione e dal Partito Comunista Italiano.

Principali proposte programmatiche:

  • Lavoro: ai dipendenti comunali deve essere riconosciuto l’adeguamento salariale per quanto concerne la contrattazione integrativa; vanno superate le forme di lavoro precario pubblico e privato quanto più rapidamente possibile, dando priorità ai settori della scuola, dell’assistenza e della sanità
  • Trasporti: stop alla realizzazione del Passante di Bologna, opera inutile e inquinante
  • Ambiente: le ex aree militari devono essere bonificate rapidamente e assegnate al Comune per un utilizzo sociale; contrasto al consumo di suolo e alla nascita di nuovi quartieri ma rigenerazione dell’esistente, no alla costruzione di nuovi supermercati e di nuovi distributori di carburante
  • Casa: le proprietà private tenute sfitte per lungo tempo a fine speculativo devono essere sequestrate in caso di necessità
  • Scuola: Piano straordinario per il servizio pubblico scolastico in termini di spazi e di operatori coinvolti, anche oltre il periodo di pandemia

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DI ADDOLORATA PALUMBO

Stefano Sermenghi (BFC, Italexit)

Stefano Sermenghi è un avvocato, in passato sindaco dal 2009 al 2019 di Castenaso. In queste elezioni a Bologna è il candidato della lista BFC-Bologna Forum Civico e di Italexit di Gianluigi Paragone.

Principali proposte programmatiche:

  • Famiglia: sostegni economici e culturali alla formazione delle famiglie naturali (art. 29 Cost.) e incentivi alla natalità in forma di bonus bebè
  • Lavoro: incentivi economici e formativi per la nascita e lo sviluppo di imprese promosse e gestite da giovani
  • Città: un disegno nuovo di riqualificazione urbana che riduca il divario gerarchico tra centro e periferia e che indichi le forme di coesistenza dei tanti centri urbani in una unica città metropolitana
  • Trasporti: no al cosiddetto passante di mezzo; la nuova amministrazione dovrà affidare in tempi rapidi un incarico agli studiosi e ai tecnici della nostra Università per scegliere la più adeguata tra le varie proposte avanzate per la soluzione del nodo autostradale
  • Decoro urbano: oltre a un miglior funzionamento dei servizi di manutenzione serve un piano di lavori socialmente utili, nel quale inserire sistematicamente, oltre ai volontari, i percettori di reddito di cittadinanza e di altre forme di sussidio pubblico, gli stranieri ai quali viene offerta accoglienza e, in questo modo, anche integrazione

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DI STFANO SERMENGHI

Andrea Tosatto (Movimento 3 V)

Andrea Tosatto è uno psicologo e autore di diversi libri. In queste elezioni amministrative a Bologna è il candidato sindaco del Movimento 3 V, un movimento dichiaratamente no-vax.

Principali proposte programmatiche:

  • Contrasto alle vaccinazioni obbligatorie e al passaporto sanitario (green pass), sostegno alle cure domiciliari e alla prevenzione primaria per curare e prevenire il Covid-19 e contrasto al distanziamento sociale e all’obbligo di indossare la mascherina
  • Creazione di cordoni, vie del verde, che collegano le aree verdi già esistenti in modo da integrarle
  • Istituzione di una moneta complementare gestita dalle casse del comune
  • Sostegno alle cure domiciliari e alla prevenzione primaria per curare e prevenire il Covid-19
  • Promozione di uno studio indipendente sugli effetti biologici delle vaccinazioni, radiofrequenze 4G e 5G, dei pesticidi e della qualità dell’aria

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DI ANDREA TOSATTO

Elezioni amministrative 2021: come si vota

Il diritto di voto alle elezioni amministrative spetta ai cittadini che hanno compiuto il 18°anno di età e sono iscritti nelle liste elettorali del comune di residenza. I cittadini devono recarsi al seggio elettorale che corrisponde alla sezione relativa al luogo di residenza.

Le informazioni riguardo la sezione, il numero e l’indirizzo del seggio elettorale, sono scritti sulla tessera elettorale. Al momento del voto, l’elettore deve mostrare la tessera elettorale e un documento di identità in corso di validità.

Per eleggere il sindaco e, contestualmente il Consiglio Comunale, l’elettore ha tre possibilità di voto:

  • mettere una X sul simbolo della lista, assegnando così il voto anche al candidato Sindaco;
  • mettere una X solo sul nome dell’aspirante Sindaco (in questo caso nessun voto sarà assegnato alla lista);
  • mettere una X sulla lista e scrivere il cognome del candidato Consigliere che si preferisce.

Nelle elezioni amministrative è ammesso il voto disgiunto: significa che l’elettore può barrare il nome del candidato Sindaco che preferisce e mettere una X anche su una lista che appoggia un candidato diverso.

Nei Comuni con oltre 15.000 abitanti si può anche assegnare la doppia preferenza di genere: basta scrivere i cognomi dei due candidati di sesso diverso appartenenti alla stessa lista.

Iscriviti a Money.it