Pensioni, ultime novità: APE anche per gli statali?

Pensioni: ultime novità sull’Ape. Anche per i lavoratori statali sarà possibile andare in pensione con il prestito ventennale previsto dal piano Ape?

Pensioni, ultime novità: l’Ape, l’anticipo pensionistico che permette di andare in pensione con un prestito ventennale delle banche e assicurazioni, sarà possibile anche per i lavoratori statali?

Sembrerebbe di sì, stando alle parole del Ministro del Lavoro Giuliano Poletti.

Nelle intenzioni del Ministro Poletti infatti, il piano Ape dovrebbe essere una possibilità per tutti i lavoratori, inclusi gli statali e i lavoratori autonomi:

L’Ape è una possibilità. Lo schema è che tutti i cittadini con i requisiti previsti possano decidere di aderire all’Ape, anche gli statali e gli autonomi”

Sempre Poletti ha evidenziato come il confronto instaurato con i sindacati Cgil Cisl e Uil rappresenti un buon metodo di lavoro che sta portando a passi in avanti, sebbene restino punti di divergenza oltre che di convergenza.

Il sottosegretario di Palazzo Chigi Tommaso Nannicini assicura poi che si sta lavorando sia sui costi del piano Ape affinché siano più bassi possibili sia sulla platea dei destinatari in modo che ci siano forti agevolazioni.

Riforma pensioni 2016: cosa ne pensano i sindacati?

Cosa ne pensano i sindacati della possibiltà di estendere il piano Ape agli statali?

Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil, sulla questione Ape ricorda come «non siamo un ufficio mutui» e sottolinea la necessità di un dialogo a 360 gradi su tutto il sistema previdenziale italiano:

«La nostra piattaforma parla del sistema previdenziale nel suo complesso e non di un pezzettino e delle risorse da dare ai giovani e alle pensioni del futuro. Non abbiamo elementi ad oggi per una valutazione finale perché siamo ancora dentro l’esame dei titoli. Non ci sono gli elementi di merito su cui fare una valutazione».

Dalla Cisl, giudizi positivi sul tavolo di confronto con il Governo finalizzato a trovare soluzioni ai problemi strutturali presenti nella normativa previdenziale.

Anna Maria Furlan segretaria generale Cisl, commenta:

«Finalmente il governo ha capito quali sono i temi davvero importanti per gli italiani e le italiane: il lavoro e cambiare la peggiore legge sulle pensioni d’Europa. La legge Fornero non tiene minimamente conto della compatibilità sociale.».

Come ricorda il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo continuerà il confronto con il Governo sulla previdenza.

Riforme pensioni 2016: ecco i prossimi appuntamenti

Restano infatti ancora tanti gli argomenti da affrontare tra Governo e sindacati.

All’incontro di ieri infatti si è parlato non solo di Ape per gli statali ed autonomi ma anche di lavori usuranti, esodati, giovani e pensionati.

Altri due incontri sono fissati per il 28 e 30 giugno dove si discuterà ancora di pensioni ed erogazione degli assegni e politiche attive del lavoro.

Per approfondire:
Pensioni, ultime notizie: il punto sulla pensione anticipata. Prende campo ipotesi Quota 41?

Iscriviti alla newsletter

Money Stories