Pensione e prepensionamento: si dovrà lavorare fino a 67 anni?

Lorenzo Rubini

22 Luglio 2021 - 19:09

condividi

Non sempre è possibile un prepensionamento nell’immediato ma questo non significa dover restare al lavoro fino a 67 anni.

Pensione e prepensionamento: si dovrà lavorare fino a 67 anni?

Non sempre il prepensionamento è possibile o almeno non sempre lo è in tempi brevissimi. Ma non è detto che per la pensione si debba attendere obbligatoriamente i 67 anni.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno,
Seguo Money.it e mi complimento: Siete un faro sicuro in mezzo al mare delle news. Lavoro nella PA ed ho un quesito: nonostante abbia compiuto 61 anni, e maturato 39 anni e 6 mesi di contributi ex INPDAP ed INPS, il patronato di un noto sindacato ha negato qualsiasi prepensionamento. Il datore di lavoro mi terra’ imbrigliato fino a 67 anni? Grazie per l’attenzione.”

Pensione, non per forza a 67 anni

Molto probabilmente il prepensionamento è stato negato nell’immediato ma non anche nei prossimi anni. La normativa previdenziale, infatti, vuole che per accedere alla pensione con un certo anticipo è necessario essere in possesso di determinati requisiti anagrafici e contributivi o soltanto contributivi che, ad oggi, non sono in suo possesso.

Ovviamente non rientra nella possibilità di centrare la quota 100 visto che non ha compiuto i 62 anni e, scadendo la misura il 31 dicembre 2021 non riuscirà ad utilizzarla per un pensionamento anticipato. Proprio per questo motivo per avere diritto all’anticipo dovrà maturare 42 anni e 10 mesi di contributi.

Potrà, infatti, accedere alla pensione anticipata fra circa 4 anni, ovvero quando i suoi attuali contributi arriveranno ad essere quelli richiesti dalla misura in questione.

Appare chiaro, quindi, che non è necessario sempre attendere i 67 anni di età per potersi pensionare ma è, comunque, necessario centrare i requisiti richiesti dalla diverse misure previdenziali in vigore. Ma, al contempo, non è possibile accedere alla pensione quando lo si desidera se non si è in possesso di predetti requisiti.

In alcuni casi alla pensione di vecchiaia a 67 anni non c’è alternativa ma questo accade soprattutto quando il lavoratore ha pochi anni di contributi maturati, nel suo caso, avendo un buon numero di anni la possibilità esiste anche se non è immediata.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it