Pensione di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi: come si presenta la domanda?

Lorenzo Rubini

19 Febbraio 2021 - 13:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’iter per la presentazione della domanda di pensione di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi per lavoratori gravosi è lo stesso che per l’ordinaria?

Pensione di vecchiaia a 66 anni e 7 mesi: come si presenta la domanda?

Anche per il 2021 è possibile per coloro che svolgono un lavoro compreso nelle cosiddette mansioni gravose accedere alla pensione di vecchiaia con 66 anni e 7 mesi di età. Ma la procedura di presentazione di domanda di pensione è come per la pensione di vecchiaia tradizionale o diversa?

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Sono insegnante scuola infanzia.A dicembre 2022 compio 66 anni..Quando devo fare domanda di pensionamento per poter fruire della finestra di uscita che prevede la possibilità di uscire a 66 anni e 7 mesi..?”

Pensione di vecchiaia gravosi

Il decreto del 18 aprile 2018 stabilisce che possono presentare domanda di pensione con i requisiti per lavoratori gravosi tutti coloro che, al compimento dei 66 anni e 7 mesi hanno maturato almeno 30 anni di contributi e che hanno svolto attività gravosa per almeno 7 negli ultimi 10 anni che precedono la pensione.
I lavoratori gravosi oltre a poter accedere ad Ape sociale e quota 41, infatti, possono accedere alla pensione di vecchiaia con soli 66 anni e 7 mesi, invece dei 67 anni richiesti alla totalità dei lavoratori.

Compiendo i 66 anni a dicembre 2022 avrebbe diritto alla decorrenza della pensione di vecchiaia a partire dal 1 agosto 2023. Le consiglio di presentare domanda qualche mese prima, in modalità telematica e compilando l’apposito modulo predisposto dall’INPS. Alla domanda di pensione dovrà allegare anche l’attestazione del datore di lavoro.

L’attestazione in questione deve essere predisposta compilando il modulo AP116 in cui il datore di lavoro dovrà attestare:

  • il periodo in cui è stata svolta mansione gravosa
  • quale contratto collettivo è applicato al lavoratore
  • il livello di inquadramento del lavoratore
  • quali le mansioni svolte
  • dove previsto il codice professionale ISTAT.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories