Pensione di invalidità: quando si trasforma in pensione di vecchiaia a 67 anni?

Per chi percepisce la pensione di invalidità civile ci sono due strade al compimento dei 67 anni: trasformazione del trattamento percepito in pensione di vecchiaia o in assegno sociale.

Pensione di invalidità: quando si trasforma in pensione di vecchiaia a 67 anni?

La pensione di invalidità civile viene corrisposta fino al compimento dei 67 anni quando, in presenza dei requisiti contributivi minimi necessari, si trasforma in pensione di vecchiaia. Ma cosa accade se il beneficiario della pensione di invalidità non è in possesso dei 20 anni di contributi minimi per accedere alla pensione di vecchiaia?

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno io ho la pensione di invalidità al 75 %, avendo solo 14 anni circa di contributi la mia pensione sarà tramutata in pensione di vecchiaia? In attesa di una vostra gradita risposta vi porgo distinti saluti.” .

Pensione di invalidità e di vecchiaia

La pensione di invalidità si trasforma in pensione di vecchiaia solo nel caso che il beneficiario abbia maturato almeno 20 anni di contributi.

Nel suo caso, avendo soltanto 14 anni di contributi, al compimento dei 67 anni la sua pensione di invalidità si trasformerà in assegno sociale il cui importo, lo ricordiamo, è pari a 459,83 euro per 13 mensilità (nel 2020).

Al compimento dei 71 anni, in ogni caso, se i contributi che ha versato si collocano tutti dopo il 31 dicembre 1995, potrebbe presentare domanda per la pensione di vecchiaia contributiva, che richiede un minimo di 5 anni di contributi maturati.

Essendo, però, questa prestazione calcolata sui contributi versati l’importo spettante potrebbe risultare più basso rispetto a quello che percepirebbe con l’assegno sociale e proprio per questo motivo e per il fatto che le pensioni liquidate con il sistema contributivo non sono integrabili al trattamento minimo, prima di presentare la domanda le consiglio di farsi fare una simulazione dell’importo spettante.

Nel caso risultasse molto più basso dell’assegno sociale dovrebbe valutare l’effettiva convenienza di domandare tale pensione tenendo conto che la pensione di vecchiaia contributiva è reversibile ai superstiti mentre l’assegno sociale no.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories