Pensione anticipata con 56, 58 e 60 anni: quale la via più breve?

Lorenzo Rubini

21 Dicembre 2020 - 07:56

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Non sempre è possibile accedere alla pensione anticipata quando lo si desidera, visto che è necessario centrare determinati requisiti.

Pensione anticipata con 56, 58 e 60 anni: quale la via più breve?

Con la varietà di misure che offre la previdenza italiana per accedere alla pensione anticipata, sia ordinaria che in deroga, non sempre è semplice capire se si è raggiunto o meno un qualsiasi diritto alla pensione.

Nel rispondere ad alcune domande che ci hanno posto i lettori di Money.it cercheremo di fare un po’ di chiarezza.

Pensione anticipata prima dei 60 anni

  • “Buonasera ho 40 anni e 9 mesi di contributi la mia eta’ e 60 anni il 29 dicembre di questo anno. Lavoro nel settore pubblico e i contributi sono regolari e continui. Chiedo gentilmente quando posso andare in pensione. Grazie”

Lei, essendo donna, è vicinissima alla pensione anticipata ordinaria che richiede 41 anni e 10 mesi di contributi (per gli uomini un anno di contributi in più).

Dal momento che raggiunge i requisiti di accesso, poi, dovrà attendere la finestra di 3 mesi per la decorrenza della pensione, nella quale può tranquillamente continuare a lavorare.

In pratica, quindi, fra circa 4 mesi lei ha diritto alla pensione. Le consiglio di presentare domanda quanto prima.

  • “Buonasera. Sono una lavoratrice del settore sanità, infermiera, per la precisione.
    A tutt oggi ho 56 anni di età e 39 di anzianità contributiva.
    Esiste per me,l’opzione della pensione a 54 anni ? ( che avrei già superato).
    Grazie per un cortese riscontro.”

Si può accedere alla pensione a 54 anni se si sono raggiunti i requisiti richiesti dalla pensione anticipata ordinaria (41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e un anno in più per gli uomini) o se si rientra nella quota 41, che richiede l’appartenenza ai lavoratori precoci e la maturazione di almeno 41 anni di contributi, oltre all’appartenenza ad uno dei profili di tutela che la normativa prevede (disoccupati, caregiver, invalidi, usuranti o gravosi).

Nel suo caso, quindi, possibilità di accedere alla pensione nell’immediato non ne esistono. Deve attendere di maturare i 41 anni e 10 mesi di contributi, fra circa 3 anni, per accedere alla misura anticipata ordinaria.

  • “Sono una donna del 1962. Ho iniziato il lavoro nel 1977 e ho 38 anni di contributi di cui 11 da commerciante e 27 da dipendente!Quando posso lasciare il.lavoro e percepire la pensione?”

Con 58 anni di età e con 38 anni di contributi, avendo contributi versati sia da autonoma che da dipendente, non può accedere alla pensione opzione donna con la proroga prevista dalla Legge di Bilancio che richiede il raggiungimento dei requisiti entro il 31 dicembre 2020.

Per chi, come lei, ha contributi misti, è necessario raggiungere i requisiti richiesti alle lavoratrici autonome, ovvero 59 anni entro il 31 dicembre di quest’anno.

Avendo, però un buon numero di anni di contributi fra circa 4 anni potrà accedere alla pensione anticipata ordinaria che richiede 41 anni e 10 mesi di contributi più una finestra di attesa di 3 mesi per la decorrenza della pensione.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories