Pensione anticipata a 64 anni con riscatto laurea: attenzione all’importo

Lorenzo Rubini

15 Aprile 2021 - 16:03

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il riscatto laurea può essere utilizzato per raggiungere il requisito contributivo di accesso a qualsiasi pensione, anche all’anticipata a 64 anni con 20 anni di contributi.

Pensione anticipata a 64 anni con riscatto laurea: attenzione all'importo

Sicuramente la pensione anticipata contributiva è una misura che fa gola a moltissimi lavoratori, permettendo un anticipo di 3 anni rispetto alla pensione di vecchiaia con gli stessi contributi richiesti. La misura, infatti, è accessibile al compimento dei 64 anni e richiede solo 20 anni di contributi, ma è necessario rispettare anche altri requisiti.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno,
chiedo gentilmente una informazione.
Ho 58 anni. Con 20 anni di contributi: ho iniziato a lavorare nel settore privato nel settembre del 2000.
Non ha contributi versati prima del 1996, quindi , potrei accedere al pensionamento al compimento dei 64 anni se avessi una pensione pari ad almeno 2,8 volte l’assegno sociale INPS, requisito che non penso di poter soddisfare. In alternativa posso riscattare (riscatto agevolato) i quattro anni di laurea ? e andare in pensione a 64 anni ?
Grazie .”

Pensione anticipata a 64 anni

La pensione anticipata contributiva a 64 anni e con 20 anni di contributi richiede che tutti i contributi siano stati versati nel sistema contributi (o a partire dal 1996 oppure tramite computo nella Gestione Separata). Ma a renderla poco accessibile è il requisito dell’importo dell’assegno: per poterne avere diritto, infatti, è necessario che l’importo dell’assegno sia pari a 2,8 volte l’assegno sociale INPS (si parla, quindi, di una pensione mensile che superi i 1200 euro).

Nel suo caso pur riscattando la laurea di 4 anni con riscatto agevolato potrebbe non centrare il requisito dell’importo e, quindi, sostenere l’onere senza ottenere, di fatto, alcun anticipo.

Il riscatto della laurea, infatti, restituisce anni di contributi validi come quelli di lavoro effettivo ma, si tratta di un istituto che non deve essere preso in considerazione per aumentare l’importo dell’assegno previdenziale poiché l’aumento mensile che deriva da ogni anno riscattato è davvero irrisorio.

Le consiglio, quindi, prima di avventurarsi nel riscatto degli anni di studi di procedere a richiedere una simulazione della pensione spettante anche aggiungendo gli anni di studio e valutare se rientra nel requisito che la misura richiede. In caso contrario le suggerisco di non procedere al riscatto visto che, in ogni caso, dovrà attendere i 67 anni per poter avere diritto alla pensione.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter