Pensione a 58, 62 e 67 anni: possibilità e alternative

Vediamo quali sono le ipotesi di pensionamento per chi oggi ha 54, 62 e 67 anni e la possibilità di continuare a lavorare dopo il pensionamento.

Pensione a 58, 62 e 67 anni: possibilità e alternative

Pensione di vecchiaia o anticipata? Se si anticipa, poi, qual è la misura migliore da scegliere, meglio quota 100, Ape sociale, quota 41 oppure opzione donna? Le alternativa di pensionamento offerte dalla normativa italiana sono molteplici e proprio per questo è difficile orientarsi nello scegliere il metodo di pensionamento più adatto.

Rispondiamo, in questo articolo, a diversi lettori di Money.it che ci hanno posto delle domande sul metodo di pensionamento da scegliere.

Pensione di vecchiaia o anticipata?

  • “Buongiorno, vorrei sapere cortesemente se posso continuare a lavorare anche dopo aver compiuto i 67 anni che sono prossimi a dicembre. Grazie”

Per accedere alla pensione di vecchiaia, se è un lavoratore dipendente, è richiesta la cessazione dell’attività lavorativa (non richiesta, invece, per i lavoratori autonomi). Ma questo non significa che il lavoro non possa riprendere dopo la pensione.

E’ necessario, infatti, che l’attività lavorativa sia cessata solo al momento della decorrenza della pensione. Nel suo caso, compiendo i 67 anni a dicembre avrebbe diritto alla decorrenza della pensione di vecchiaia da 1 gennaio. Dal 2 gennaio, quindi, una volta liquidato il primo assegno previdenziale, potrebbe riprendere il lavoro sia da dipendente che da autonomo.

Se, invece, intende continuare a lavorare senza accedere alla pensione ed il suo datore di lavoro è d’accordo con la sua scelta, può farlo tranquillamente.

  • “Buongiorno compirò 62 anni il prossimo 29 giugno con quasi 41 Anni di contributi nel settore pubblico. Posso presentare la domanda per la pensione anche prima del compimento dei 62 anni? Grazie”

Può presentare domanda di pensione anche prima del compimento dei 62 anni ma le ricordo che essendo un dipendente pubblico la decorrenza della pensione quota 100 le spetterà solo dopo una finestra di attesa di 6 mesi dal raggiungimento di entrambi i requisiti (nel suo caso, quindi, dal compimento dei 62 anni).

Inoltre per i dipendenti pubblici è richiesto anche un preavviso obbligatorio all’amministrazione di appartenenza di almeno 6 mesi. Ma nulla le vieta di presentare la domanda di pensione prima del giugno 2021.

  • “Buongiorno, Ad oggi, ho 58 anni da compiere il 26/10 e 40 anni di servizio. Vorrei andare in pensione con il massimo dei contributi cioè 41 anni 10 mesi. E quindi dovrei uscire a Agosto 2022. Mi conferma? E l’assegno dopo quanto dovrei prenderlo? La ringrazio fin da ora, se potrà gentilmente, darmi queste risposte.”

Ad agosto 2022 lei dovrebbe raggiungere i 41 anni e 10 mesi di contributi ma per accedere alla pensione anticipata è necessario attendere una finestra di 3 mesi dal raggiungimento dei requisito contributivo.

Questo significa che la decorrenza della sua pensione scatterebbe a partire dal 1 dicembre 2022. Nei 3 mesi di finestra di attesa può decidere lei se lavorare poiché potrebbe, se lo desidera, anche lasciare il lavoro ad agosto 2022, non appena raggiunge i 41 anni e 10 mesi di contributi.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1086 voti

VOTA ORA