I Paesi migliori per crescere un figlio: dov’è l’Italia?

I Paesi migliori per crescere un figlio svelati da uno studio: dov’è l’Italia in questa classifica?

I Paesi migliori per crescere un figlio: dov'è l'Italia?

I Paesi migliori per crescere un figlio svelati dall’Università della Pennsylvania. Ma dov’è l’Italia in questa speciale classifica?

Scorrendo l’elenco degli Stati con maggiori opportunità per una crescita serena dei figli, la nostra nazione non eccelle. Soprattutto a livello europeo, lo Stato italiano dimostra di non avere ancora tutti i requisiti per dirsi un territorio davvero a dimensione bambino e famiglia.

L’analisi condotta dalla statunitense Wharton School ha evidenziato quanto sistemi scolastici innovativi, legislazione all’avanguardia, benessere economico, servizi di welfare efficaci e progresso in termini di diritti umani possano fare la differenza nella crescita dei figli.

Ecco le prime 5 posizioni di questa importante classifica, nelle quali, purtroppo, non è compresa l’Italia.

Classifica 20 Paesi migliori per crescere figli

La Wharton School dell’Università della Pennsylvania ha condotto un’analisi su 73 Stati in tutto il mondo, comprendenti il continente americano, l’Europa, l’Asia e il Medio Oriente, per capire dove è meglio crescere i propri figli.

La classifica si basa su un sondaggio effettuato per capire quale percezione hanno i cittadini su 8 aree significative, quali: sostegno alla famiglia, uguaglianza di reddito, sicurezza, istruzione pubblica, sistema sanitario, livello di felicità e diritti umani.

Dalla somma dei punteggi ottenuti in ogni settore, è stata elaborata la seguente classifica, nella quale emergono i 20 Paesi migliori al mondo per crescere i figli:

  1. Danimarca
  2. Svezia
  3. Norvegia
  4. Canada
  5. Paesi Bassi
  6. Finlandia
  7. Svizzera
  8. Nuova Zelanda
  9. Australia
  10. Austria
  11. Regno Unito
  12. Lussemburgo
  13. Germania
  14. Francia
  15. Spagna
  16. Italia
  17. Portogallo
  18. Stati Uniti
  19. Giappone
  20. Polonia

Crescere un figlio in Italia

L’Italia si trova al 16° posto, dietro alla maggior parte delle nazioni europee. Austria, Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna, infatti, occupano tutte posizioni più alte.

Perché gli Stati scandinavi sono a dimensione famiglia e l’Italia arranca? Il Belpaese non è proprio il luogo ideale dove crescere in modo sereno i figli, stando ai risultati dell’analisi.

D’altronde, i dati statistici degli ultimi anni dimostrano quanto la popolazione italiana stia invecchiando, con tassi di natalità in continuo calo. Le politiche a favore della famiglia sono spesso criticate poiché inadeguate a sostenere economicamente e socialmente il ruolo dei genitori. In più, i servizi pubblici prioritari, come quelli legati all’istruzione e alla sanità, manifestano carenze anche gravi.

Le prime posizione degli Stati scandinavi, invece, si spiegano grazie al loro elevato sviluppo del Welfare State. Lavorare e gestire la famiglia non presenta ostacoli e, soprattutto, i servizi pubblici - come trasporti, asili nido, prestazioni sanitarie - sono funzionanti e rispondenti pienamente alle esigenze economiche e sociali delle famiglie. Anche la qualità dell’istruzione e dei diritti è considerata molto alta e soddisfacente. Per questo, tali Paesi risultano i migliori dove crescere i propri figli.

Leggi anche:
Quanto costa crescere un figlio in Italia
Bonus famiglia 2020, novità e agevolazioni in Legge di Bilancio

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Classifiche

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.