PD-M5S: chi è Marta Cartabia, possibile prima donna premier

Il nome della costituzionalista Marta Cartabia gira insistentemente come presidente del Consiglio di un governo PD-5 Stelle

PD-M5S: chi è Marta Cartabia, possibile prima donna premier

Cartabia la prima presidente del Consiglio donna? Mentre infuriano - a suon di colpi di scena - le trattative per il governo M5S-PD, inizia il toto-nomi per Palazzo Chigi. Fra le candidature più calde in queste ore, spunta quella di Marta Cartabia, docente e costituzionalista che sembrerebbe essere la prima scelta di Sergio Mattarella.

Marta Cartabia è giudice della Corte Costituzionale dal 2011, e vicepresidente della stessa Corte dal 12 novembre 2014. Nei giorni in cui il suo nome rimbalza su internet e sui social, si trova in vacanza con marito e figli alle pendici del Gran Paradiso. Alle domande dell’Ansa, ha risposto soltanto che i rumor le sono arrivati, ma non ha commentato oltre: “È stata una bellissima giornata, è una cosa privata”.

Chi è Marta Cartabia

Nata a San Giorgio su Legnano il 14 maggio del 1963, Cartabia si è laureata con lode nel 1987 alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Milano-Bicocca con una tesi dal titolo “Esiste un diritto costituzionale europeo?”. Il suo relatore era Valerio Onida, futuro presidente della Corte Costituzionale. Sia al liceo che all’Università ha aderito al movimento cattolico di Comunione e Liberazione.

Ha proseguito gli studi conseguendo un dottorato di ricerca nel 1993 a Fiesole, e poi si è specializzata in giustizia costituzionale comparata all’Università di Aix-Marseille. Dal 1993 al 1999 è stata ricercatrice di diritto costituzionale, e nello stesso periodo è stata assistente di studio alla Corte. Nel 2000 è diventata professoressa ordinaria a Verona e poi a Milano.

Nel 2011 è diventata la terza donna ad essere nominata giudice costituzionale, e anche una dei giudici più giovani. Nel 2014 è diventata vicepresidente della Corte Costituzionale, ed è stata riconfermata nel 2016 e nel 2018.

Cartabia viene definita una fedelissima di Sergio Mattarella, che è entrato a far parte della Consulta sempre nel 2011. Secondo alcune indiscrezioni, sarebbe stata la giudice della Corte più contraria all’introduzione dei superprefetti, ipotizzati dal decreto sicurezza bis, tanto desiderato da Matteo Salvini.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Crisi di Governo

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.