Costituzione

Approvata il 22 dicembre del 1947, la Costituzione della Repubblica Italiana è la legge fondamentale dello Stato perché è al vertice della gerarchia delle fonti nell’ordinamento giuridico.

La Costituzione italiana presenta le determinate caratteristiche:

  • scritta;
  • rigida;
  • lunga;
  • votata;
  • democratica;
  • laica;
  • programmatica.

È entrata in vigore il 1° gennaio del 1948, ed è costituita da 139 articoli e 18 disposizioni transitorie e finali. La Costituzione italiana è così strutturata:

  • Principi fondamentali: (articoli 1-12);
  • Parte Prima: “Diritti e doveri dei cittadini” (articoli 13-54);
  • Parte seconda: “Ordinamento della Repubblica” (articoli 55-139);
  • Disposizioni transitorie e finali (disposizioni I-XVIII).

A sua volta la parte seconda è suddivisa in 6 Titoli:

  • TITOLO I: Parlamento;
  • TITOLO II: Presidente della Repubblica;
  • TITOLO III: Governo;
  • TITOLO IV: Magistratura;
  • TITOLO V: Regioni, Province e Comuni;
  • TITOLO VI: Garanzie Costituzionali.

Il testo originario della Costituzione è stato revisionato in più di un’occasione; la modifica più importante c’è stata nel 2001 con la revisione del Titolo V con la quale è stata ridefinita la suddivisione delle competenze tra Stato e Regioni.

Bocciata al referendum invece la riforma costituzionale del 2016, voluta dall’allora Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che avrebbe modificato l’assetto bicamerale del Parlamento.

Costituzione, ultimi articoli su Money.it

Presidente di regione: quanto guadagna e cosa fa

Pubblicato il 22 settembre 2020 alle 09:57

Quello del Presidente di regione è uno degli stipendi più alti tra le cariche istituzionali (più del premier Conte) anche se la legge fissa un “tetto massimo”. Ecco quanto guadagna.

Referendum taglio parlamentari: data, quesito e guida al voto

Pubblicato il 18 settembre 2020 alle 16:35

Tutto pronto per il referendum costituzionale sul taglio di 345 parlamentari: ecco cosa serve per votare, il quesito sottoposto agli elettori e il contenuto della riforma che andrà a modificare le Camere.

Chi può votare al referendum e cosa serve

Pubblicato il 17 settembre 2020 alle 17:10

Per votare al referendum sul taglio dei parlamentari serve aver compiuto 18 anni ed essere in possesso della tessera elettorale. Ecco le informazioni utili prima di recarsi alle urne.

Il Parlamento “chiude” per una settimana prima del referendum

Pubblicato il 16 settembre 2020 alle 18:40

Lavori sospesi al Senato e alla Camera nella settimana che precede le elezioni regionali, amministrative e il referendum sul taglio dei parlamentari; 5 giorni di “pausa” che si aggiungono ai 18 di questa estate.

|