Nuovo stadio Inter e Milan: quanto costa e chi paga

Alessandro Cipolla

5 Novembre 2021 - 10:24

condividi

Beppe Sala ha annunciato che presto arriverà la delibera per il nuovo stadio di Inter e Milan: ecco quanto costerà il progetto che interessa tutta l’area di San Siro e chi pagherà.

Nuovo stadio Inter e Milan: quanto costa e chi paga

Nuovo stadio Inter e Milan, ormai ci siamo. Ottenuta la riconferma alle recenti elezioni a Milano, il sindaco Beppe Sala ha annunciato l’accelerata decisiva per la delibera della Giunta che potrebbe arrivare nei prossimi giorni.

A questo punto, per come è stata formulata la cosa, noi non abbiamo più grandi incertezze - ha spiegato Sala - Da come siamo partiti due anni fa abbiamo fatto dei grandi passi avanti e, a mio giudizio, il fatto di essere riuscito a riportare le squadre al rispetto dell’indice volumetrico del Pgt è cosa molto positiva”.

Beppe Sala così ha fissato quelli che sono i tre prerequisiti fondamentali per poter passare alla fase esecutiva del progetto stadio: “Il primo è che il nuovo stadio dovrà sostanzialmente rispettare le linee e i volumi contenuti nello studio di fattibilità che è già stato presentato all’amministrazione. Il secondo punto chiede una riconversione dell’area dell’attuale San Siro al fine di sviluppare il progetto del distretto dello sport e entertainment, in un contesto verde. Infine, terzo e ultimo punto, le concessioni di diritti volumetrici per sviluppi urbanistici accessori allo stadio non derogheranno a quanto consentito dal Piano di governo del territorio vigente”.

La svolta su quello che sarà il nuovo stadio dell’Inter e del Milan è arrivata quando le due società hanno deciso di accettare l’indice volumetrico chiesto dal Comune, che così passerà dall’iniziale 0,65 al valore 0,35 del Pgt per l’area di San Siro.

Ma quanto costerà il nuovo stadio dove si disputeranno le partite del Milan e dell’Inter? Vediamo quella che è la spesa stimata e, soprattutto, chi pagherà per la realizzazione del progetto.

Nuovo stadio Inter e Milan: costi e chi paga

Nonostante che per la delibera da parte della Giunta ormai sia questione solo di giorni stando alle parole del sindaco Beppe Sala, ancora non è stato scelto il progetto per il nuovo stadio di Inter e Milan.

In ballo ci sono La Cattedrale di Populous e Gli Anelli di Milano di Sportium, anche se per venire incontro alle esigenze del Comune dovranno essere tagliate le volumetrie degli edifici attorno allo stadio: hotel, appartamenti, uffici e centro commerciale.

Come sottolineato da Sala il vecchio San Siro diventerà un “distretto dello sport e entertainment, in un contesto verde”, ma fino al 2026 non inizieranno i lavori visto che lo stadio servirà per ospitare la cerimonia di apertura delle Olimpiadi Invernali Milano-Cortina.

A prescindere da quello che sarà il progetto scelto da Inter e Milan, il costo complessivo dei lavori per il nuovo stadio e annessa area commerciale è stato stimato in 1,2 miliardi.

Per il diritto di superficie, le due società dovrebbero poi pagare al Comune un canone annuo di 2 milioni, meno dei 5 milioni attualmente sborsati.

Inizialmente Inter e Milan avevano pensato di finanziare il nuovo stadio per il 60% attraverso un prestito da 740 milioni mentre, per il restante 40%, con una iniezione di capitale pari a circa 250 milioni a testa.

Le ultime notizie invece parlano di un 90% delle spese totali da coprire tramite un finanziamento di 30 anni con un tasso di interesse annuo del 5%. Per rientrare dei costi le due società così potrebbero impiegare molti anni.

Soltanto per la parte immobiliare del progetto (hotel, appartamenti e centro commerciale), si parla di un possibile giro d’affari annuo di 2 miliardi.

Entrate importanti arriveranno anche dal nuovo stadio da 60.000 posti, visto l’inevitabile aumento dei prezzi del biglietto specie per gli incontri di Champions League come già è avvenuto in questa stagione.

Argomenti

# Milano
# Inter
# Stadio

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.