Morgan Stanley: Wall Street spinge i conti trimestrali

Grazie alla crescita registrata dal mercato azionario, Morgan Stanley è riuscita a chiudere il secondo trimestre con risultati migliori delle stime.

Morgan Stanley: Wall Street spinge i conti trimestrali

Continua la stagione delle trimestrali a stelle e strisce. Oggi l’agenda ha proposto i numeri di uno dei big del comparto finanziario di Wall Street: Morgan Stanley.

Nonostante il segno meno registrato sia dal giro d’affari che dall’utile, la banca d’affari fondata da Henry Sturgis Morgan e da Harold Stanley ha battuto le stime elaborate dagli analisti.

A poco più di un’ora e mezza dall’avvio delle contrattazioni, le azioni MS a Wall Street passano di mano a 43,73 dollari, -0,09% rispetto a ieri. Sostanzialmente piatto anche il saldo delle ultime cinque sedute mentre quello trimestrale segna un -7,4%. Da inizio anno, le azioni Morgan Stanley guadagnano 11 punti percentuali.

Morgan Stanley: fatturato trimestrale sopra quota 10 miliardi

Nei tre mesi a giugno la banca newyorkese ha messo a segno un utile di 2,2 miliardi di dollari, 1,23 dollari per azione (eps, earning per share), -10% rispetto a 12 mesi prima.

Segno meno, come detto, anche per il fatturato, sceso da 10,6 a 10,2 miliardi di dollari. Gli analisti avevano stimato un eps di 1,14 dollari con un fatturato a 9,99 miliardi.

Morgan Stanley: Wall Street spinge risultati

La divisione di Morgan Stanley che si occupa di Wealth Management, una di quelle su cui James Gorman, il Chairman e Chief executive della banca, ha puntato maggiormente, ha fatto registrare un nuovo record in termini di fatturato a 4,41 miliardi di dollari.

Meglio del previsto anche il giro di affari della divisione che si occupa di gestione degli investimenti, in aumento del 21% a 839 milioni di dollari grazie ai maggiori asset in gestione.

In entrambi i casi, ha detto il Chief Financial Officer Jonathan Pruzan, è stata decisiva la crescita dei listini azionari (da inizio anno lo S&P500 ha guadagnato circa 19 punti percentuali e il Nasdaq è salito del 23,3%).

Morgan Stanley: Gorman, RoE in linea con le stime

“Abbiamo registrato solidi risultati trimestrali in tutte le nostre aree di business”, ha detto Gorman.

A livello consolidato, “il fatturato ha superato i 10 miliardi di dollari ed abbiamo registrato un ritorno sul capitale in linea con i target (all’11,2% nel trimestre): questo dimostra la stabilità del nostro franchise”.

Tra le altre banche che hanno presentato i conti, il RoE (Return on Equity) si è attestato al 10% nel caso di Citigroup (Trimestrali Usa: Citigroup bagna l’esordio con un +7% degli utili, battuto consensus) e al 16% in quello di JP Morgan (JPMorgan: conti sopra le stime ma azioni in rosso. Vediamo perché).

“Restiamo focalizzati –ha concluso il top manager- sul servizio ai clienti e sulle opportunità di crescita, continuando a gestire in maniera scrupolosa l’andamento delle spese ".

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Morgan Stanley

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.