Metaverso: le grandi banche si stanno espandendo nella realtà virtuale

17 Marzo 2022 - 17:02

condividi

Sono sempre di più le grandi banche che decidono di espandere la loro influenza nel metaverso, stringendo accordi con le piattaforme più importanti. Ecco alcuni esempi.

Metaverso: le grandi banche si stanno espandendo nella realtà virtuale

Investire nello sviluppo del metaverso può rivelarsi un’ottima opportunità per moltissime imprese, incluse le banche internazionali. Non sorprende pertanto che negli ultimi mesi alcuni istituti di credito, quali la britannica Hsbc e la statunitense JP Morgan, si siano impegnati al fine di stipulare delle partnership con due delle più importanti realtà del settore: The Sandbox e Decentraland, che già da mesi prospettavano l’imminente approdo delle istituzioni finanziarie nel loro spazio virtuale.

Secondo un’analisi eseguita dalla multinazionale Accenture, leader nel settore della consulenza strategica, l’espansione dell’attività bancaria nel metaverso può dare un fortissimo impulso all’evoluzione dell’attuale sistema finanziario. In aggiunta, è verosimile aspettarsi che i grandi player potranno farsi carico della gran parte dei processi legati all’emissione e allo scambio di non-fungible token.

Banche e metaverso: JP Morgan apre la prima filiale su Decentraland

JP Morgan è stata la prima banca ad aprire una sua filiale nel metaverso, più precisamente all’interno del centro commerciale Metajuku, uno dei quartieri virtuali più lussuosi di Decentraland. Sulla piattaforma tutti i terreni disponibili sono NFT, di conseguenza ogni spazio possiede caratteristiche proprie e non replicabili in altri punti della mappa di gioco. In futuro la nuova filiale potrebbe avere la stessa funzione delle filiali tradizionali, di conseguenza potrebbe essere possibile per gli utenti ritirare somme di denaro tramite l’Atm oppure fare richiesta per l’erogazione di un prestito.

In un report del 2021, la banca americana aveva stimato che il metaverso potrebbe arrivare a fruttare circa $1.000 miliardi di ricavi all’anno alle aziende che decidono di entrarvi, anche se non tutti gli elementi presenti in quest’ultimo saranno veramente utili per fare business.

“Crediamo che il panorama del gaming virtuale abbia molti elementi in comune con l’economia globale del presente. Per questo le nostre competenze principali nei pagamenti internazionali, negli scambi con l’estero, nella creazione di asset finanziari, nel trading e nella sicurezza, insieme alla nostra enorme base di consumatori, potranno giocare un ruolo centrale nel Metaverso”.

Queste sono state le parole di Jamie Dimon, amministratore delegato di JP Morgan.

La collaborazione tra Hsbc e The SandBox favorisce il rally di SAND

Il 16 marzo la banca britannica Hsbc, attualmente il più grande istituto di credito europeo in termini di capitalizzazione di mercato, ha formalizzato l’acquisto di un terreno su The SandBox, e la notizia è stata in seguito confermata anche dai portavoce della community, mediante un post su Twitter:

“Siano lieti di annunciare che abbiamo collaborato con Hsbc, uno dei più grandi fornitori internazionali di servizi bancari e finanziari del mondo! Stiamo portando una serie di opportunità per chi volesse impegnarsi con i servizi finanziari globali e le comunità sportive nel metaverso di The SandBox”.

L’appezzamento virtuale ospiterà uno spazio dedicato agli amanti dello sport, dell’e-sport e dei videogame. La notizia della partnership tra The SandBox e la banca britannica è stata ben accolta dal mercato, dato che la criptovaluta nativa della piattaforma, il SAND, ha guadagnato più del 23% in meno di 24 ore; al momento della scrittura dell’articolo, le quotazioni del token SAND si mantengono sopra i $3, livello che era stato toccato l’ultima volta durante la prima settimana di marzo.

“Il metaverso è il modo in cui le persone sperimenteranno il Web3, la prossima generazione d’internet, usando tecnologie immersive come la realtà aumentata e la realtà virtuale. Noi di Hsbc, vediamo un grande potenziale per creare nuove esperienze attraverso piattaforme emergenti, aprendo un mondo di opportunità per i nostri clienti attuali e futuri e per le comunità che serviamo. Attraverso la nostra partnership con The Sandbox stiamo facendo la nostra incursione nel metaverso, permettendoci di creare esperienze innovative per clienti nuovi ed esistenti”.

Lo fa riferito Suresh Balaji, responsabile marketing di Hsbc per la regione Asia-Pacifico.

Iscriviti a Money.it