Mercato immobiliare: una bolla pronta a scoppiare nell’Eurozona?

La forte crescita dei prezzi del mercato immobiliare durante la pandemia di Covid-19 potrebbe portare a una bolla speculativa nell’Eurozona.

Mercato immobiliare: una bolla pronta a scoppiare nell'Eurozona?

Nonostante la crisi economica da Covid-19, il mercato immobiliare sta registrando negli ultimi mesi una forte crescita dei propri prezzi che, secondo diversi analisti, potrebbe portare presto a una bolla speculativa nell’Eurozona.

Come mostrato dagli indicatori, nel 2020 il costo delle abitazioni è aumentato in media del 4% nei Paesi avanzati. Ancora più alte sono state le percentuali in Germania, Olanda, Portogallo e Polonia raggiungendo addirittura 15%, mentre in USA si è attestato al 5%.

Un’impennata in contraddizione con i fondamentali, poiché la ricchezza globale è in calo, così come gli affitti, e non è prevista una ripresa a breve a causa delle nuove misure restrittive attuate dai governi dei diversi Stati.

Proprio l’esecuzione dei nuovi lockdown potrebbe essere uno degli elementi pronti a intaccare il valore delle abitazioni in Europa e America.

Mercato immobiliare: in arrivo una bolla speculativa per l’Eurozona?

L’OCSE ha rilevato una vera e propria accelerazione dei prezzi del settore immobiliare tra il primo e il secondo trimestre, mentre il mondo subiva la sua più grande recessione dal dopoguerra.

Tra le cause che potrebbero spiegare una situazione del genere troviamo i forti pacchetti di stimolo attuati dai governi e dalle banche centrali, i quali hanno permesso di sostenere le difficoltà affrontate dalle aziende e dalle famiglie durante la pandemia, mantenendo bassi i tassi di interesse sui prestiti.

L’aumento dei prezzi delle case sta però generando come prima conseguenza l’abbandono dei centri urbani, nei quali si trovano gli alloggi più costosi, a favore delle aree periferiche e rurali.

Una possibilità data grazie allo sviluppo dello smart working, per cui non è più necessario abitare nella stessa città in cui ha sede il proprio luogo di lavoro.

In aumento il prezzo delle case nonostante la crisi economica

Un fenomeno che si è osservato ad esempio a Parigi, dove il 20% dei residenti si è trasferito nelle proprie residenze in campagna durante il primo lockdown, potendo continuare la propria attività da remoto.

Uno svuotamento del genere potrebbe quindi causare gravi problemi all’economia della capitale francese e a quella degli immobili.

In Germania, invece, grazie ai mutui concessi con tassi di interesse di appena lo 0,6% e la possibilità di accedere al 100% del prestito per l’acquisto di una casa, si è raggiunto il 30% di aumento per gli appartamenti delle grandi città.

I fattori di rischio per il prezzo delle case

Un andamento che potrebbe presto interrompersi, dato che diverse banche europee stanno iniziando a bloccare la concessione dei mutui ipotecari a causa della percezione del rischio legata alle prospettive dell’economia globale e, di conseguenza, alla capacità delle persone di restituire i prestiti.

Questo causerebbe una mancanza di effetti sui cittadini delle politiche espansive attuate dalla BCE, portando a un circolo vizioso anche peggiore di quanto osservato nel 2012.

Se si verificasse tale scenario, si potrebbe quindi innescare un improvviso freno dei mutui a basso costo. Questo bloccherebbe l’accesso a gran parte della popolazione, andando quindi a incidere sui prezzi delle case e facendoli precipitare verso il basso.

Una prospettiva che porterebbe un’ulteriore criticità nella crisi prodotta dal coronavirus e che vedrebbe l’Eurozona come l’area più a rischio.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories