Londra capitale car-free più grande del mondo

22 maggio 2020 - 13:06 |
6 luglio 2020 - 16:15 |

Londra avrà la zona car-free più grande del mondo grazie al suo “London Streetspace Programme”. Misure collaterali per chi utilizzerà l’automobile.

È Londra la capitale con la più grande zona car free del mondo grazie al “London Streetspace Programme”. È questo il nome dell’ambizioso progetto, già in corso, che ha lo scopo di sensibilizzare sulla mobilità sostenibile, salvaguardando il Pianeta dall’inquinamento.

Trasformare le strade centrali della città in un insieme di corsie che diano priorità agli utenti sulle piste ciclabili, è l’obiettivo del sindaco di Londra, Sadiq Khan e TfL (società dei trasporti londinesi), che ufficializzano l’annuncio.

La pandemia ha cambiato il mondo e, con esso, anche il modo in cui ci muoviamo. Ecco perché, nella progettazione, si è tenuto conto anche dell’ampiezza dei marciapiedi per consentire il distanziamento sociale: si costruiranno oltre 5.000 metri quadri aggiuntivi di spazio così da rendere permanente le distanze tra le persone.

Già dal 18 maggio, le aree Park Lane e Euston Road sono diventate ciclabili e, presto, toccherà anche a London Bridge, Shoreditch, Euston, Waterloo, Old Street e Holborn.

Londra, capitale car-free più grande del mondo

I londinesi non potranno più contare sui servizi che usavano fino a poco tempo fa per spostarsi: la bicicletta rimpiazzerà i metodi tradizionali. Il progetto che sta già rivoluzionando Londra si chiama London Streetspace Programme.

Secondo il primo cittadino di Londra, se si vuole mantenere la città competitiva a livello globale: “Bisogna assicurare che la ripresa della nostra città sia ecologica. Affronteremo anche la nostra aria tossica, che è essenziale per assicurarci di non sostituire una crisi di salute pubblica con un’altra”.

Di seguito la mappatura delle nuove strade londinesi.

Londra, misure collaterali per chi si sposterà in auto

L’assenza di auto non garantisce soltanto il distanziamento sociale ma contribuisce anche a migliorare la qualità dell’aria; per questo, nella città londinese sono incentivati gli spostamenti verdi e fortemente scoraggiati quelli in macchina. Altrettanto hanno già fatto i governi, nel rispetto del distanziamento sociale; sconsigliando gli spostamenti su mezzi pubblici, se non strettamente necessari.

Per questo ai nuovi metodi londinesi per muoversi in città, si aggiungeranno anche misure collaterali per i cittadini restii all’uso della bici.

La Congestion Charge (tassa sul pedaggio per i conducenti di alcuni mezzi a motore), già dal mese prossimo, salirà a 15£. La tariffa Ultra Low Emission Zone, inoltre, già in vigore da un’anno per poter circolare nel centro di Londra con le auto, a partire dal 22 giugno, sarà estesa a tutti i giorni della settimana dalle ore 7.00 alle ore 22.00.

Il limite di velocità subirà una riduzione: 20 miglia all’ora per ridurre il pericolo stradale, si legge nel comunicato stampa del primo cittadino londinese. Le autorità cittadine hanno confermato, inoltre, che durante il lockdown è stato registrato un calo del 60% del traffico e una conseguente riduzione dell’inquinamento di circa il 50%, soprattutto sulle strade più trafficate della città.

Nelle ultime settimane, la capitale è diventata un luogo più verde e pulito e siamo determinati a mantenerla così ” - ha spiegato Sadiq Khan, che ha aggiunto - “Ecco perché questi piani trasformeranno parti del centro di Londra per creare una delle più grandi aree senza auto di qualsiasi capitale del mondo.

Argomenti:

Londra

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories