Letta vuole il maggioritario, ma per i sondaggi così Salvini stravince

Alessandro Cipolla

18/03/2021

30/03/2021 - 09:43

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Enrico Letta ha parlato del Mattarellum come possibile nuova legge elettorale: stando ai sondaggi, questo potrebbe essere un autentico regalo per Matteo Salvini che andrebbe a vincere le elezioni con una maggioranza bulgara.

Letta vuole il maggioritario, ma per i sondaggi così Salvini stravince

A Enrico Letta non dispiacerebbe un ritorno al Mattarellum per quanto riguarda la riforma elettorale, ora finita in naftalina a causa dell’emergenza Covid ma che prima o poi dovrà essere affrontata da questa maggioranza. Per i sondaggi politici, si tratterebbe però di una sorta di autogol.

All’epoca del Conte-bis, il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle si erano accordati per il Brescellum, un sistema di voto puramente proporzionale con una soglia di sbarramento fissata al 5%.

Il nuovo segretario del PD invece nel suo discorso inaugurale ha rilanciato il Mattarellum, che è una legge elettorale maggioritaria corretta da una sensibile quota proporzionale corrispondente a un quarto dei seggi di ciascuna Camera.

Stando ai sondaggi, con un sistema di voto simile Matteo Salvini andrebbe incontro a una larga vittoria elettorale, anche in caso di una alleanza tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle. Ci sarebbe una sorta di pareggio solo in caso di una coalizione giallorossa allargata a Matteo Renzi e Carlo Calenda, ipotesi questo moto improbabile.

Sondaggi politici: con il maggioritario stravince Salvini

Alla luce delle parole di Enrico Letta, il duo YouTrend-Cattaneo ha elaborato una serie di simulazioni di risultati elettorali basandosi sugli ultimi sondaggi politici che sono stati applicati al Mattarellum.

Questa legge elettorale prevede sostanzialmente uno scenario politico bipolare. Non a caso è stata in uso in Italia dal 1993 al 2005, ovvero nella grande stagione del dualismo centrodestra-centrosinistra.

Se si votasse con il Mattarellum, in caso di corsa separata del PD e del Movimento 5 Stelle il centrodestra vincerebbe arrivando quasi all’80% dei seggi sia alla Camera che al Senato. Una maggioranza bulgara ben maggiore di quei due terzi necessari per cambiare la Costituzione a colpi di voti in Parlamento.

Anche con una alleanza PD-M5S-LeU, il centrodestra stando ai dati degli ultimi sondaggi otterrebbe il 60% dei seggi in entrambe le Camere. Soltanto con una coalizione giallorossa allargata ai centristi, ci sarebbe una situazione di sostanziale parità.

Considerando che appare altamente improbabile vedere correre alle elezioni politiche Giuseppe Conte insieme a Matteo Renzi e Carlo Calenda, per Matteo Salvini l’apertura al Mattarellum rappresenta una sorta di regalo inaspettato, anche se poi è ancora tutto da capire come si andranno ad accordare nei prossimi mesi i partiti in tema di legge elettorale.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO