Juncker su Brexit: no-deal sempre più probabile

Juncker lancia l’allarme sulla Brexit: il no-deal è sempre più probabile. A mezzanotte del 12 aprile il Regno Unito uscirà senza un accordo

Juncker su Brexit: no-deal sempre più probabile

L’ipotesi di Brexit no-deal è sempre più probabile.

A dirlo nientemeno che il Presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, che a fine febbraio aveva già espresso tutte le sue perplessità sul divorzio tra Regno Unito e Ue.

Le sue ultime dichiarazioni sulla Brexit, però, hanno toccato un tasto dolente, quello del no-deal, lo scenario più temuto anche dai mercati internazionali. Juncker ha ricordato come il blocco si sia già preparato ad affrontare l’ipotesi di uscita senza accordo. Questa prevenzione, però, non renderà il divorzio meno doloroso.

Juncker su Brexit no-deal: a rischio Ue ed elezioni

“Credo che il no-deal il 12 aprile a mezzanotte sia diventata un’ipotesi sempre più verosimile: non quella che io auspico ma abbiamo fatto in modo che l’Ue possa essere pronta,”

ha affermato il numero uno della Commissione europea, aggiungendo:

“Dopo quella data rischiamo di mettere a repentaglio il buon svolgimento delle elezioni europee e di minacciare il buon funzionamento dell’Ue.”

Juncker non ha lasciato spazio a interpretazioni di sorta e ha cercato di chiarire al meglio la posizione europea nei confronti della Brexit. Per dirla con le sue stesse parole, l’Ue non garantirà al Regno Unito nessun altro rinvio breve se i parlamentari non approveranno un accordo entro il 12 aprile.

Una vera e propria doccia gelata per Theresa May, che aveva già annunciato la sua intenzione di domandare una nuova estensione dei termini.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Jean-Claude Juncker

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.