Italia, epidemia ancora fuori controllo: il motivo secondo l’Iss

Violetta Silvestri

23 Gennaio 2021 - 13:24

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’epidemia Covid-19 in Italia si trova ancora a livelli non controllabili. Lo ha affermato l’Istituto superiore di sanità nella conferenza stampa settimanale.

Italia, epidemia ancora fuori controllo: il motivo secondo l'Iss

Epidemia Covid in Italia: a che punto siamo? I contagi sono ancora fuori controllo secondo gli ultimi aggiornamenti dell’Istituto superiore di sanità.

Nella consueta conferenza stampa settimanale, Gianni Rezza, direttore della Prevenzione del ministero della Salute, ha chiarito il quadro attuale della pandemia nel nostro Paese.

La buona notizia di un calo dell’indice di trasmissibilità non può ancora tradursi in completo ottimismo: il Covid risulta fuori controllo per l’esperto e la fase resta molto delicata. Il motivo è almeno uno.

Covid in Italia: pandemia fuori controllo per questo motivo

Non è ancora tempo di rilassarsi, stando alle ultime indicazioni dell’Iss. Anzi, esiste almeno una ragione concreta secondo la quale la situazione epidemiologica è da considerarsi preoccupante. E, soprattutto, fuori controllo.

Rezza ha illustrato chiaramente cosa sta succedendo:

“Siamo in una seconda fase meno drammatica, ma l’epidemia è più diffusa in tutto il Paese, la prima [ondata] invece era concentrata in alcune zone. Nell’ultimo periodo c’è stato un picco di incidenza cumulativa, ma, sulla base dell’Rt, non vedremo più accelerazione nel numero di nuovi casi.”

In sostanza, l’indice di trasmissibilità Rt è tornato a calare dopo ben 5 settimane e attualmente si trova sotto la soglia critica di 1, precisamente a 0,97. Una notizia incoraggiante, ma non abbastanza positiva da consentire allentamenti. Nemmeno i dati sulla diminuzione dei ricoveri in terapia intensiva e nei reparti ordinari può far abbassare la guardia.

Il motivo è almeno uno, così chiarito da Rezza:

“Questa settimana, alcune regioni hanno rischio basso, altre moderato ma ci sono ancora regioni a rischio elevato; quindi la valutazione complessiva ci dice che dobbiamo porre attenzione alla situazione...c’è una lieve diminuzione dell’incidenza nel Paese ma che è lontana dal consentire di riprendere a tracciare i casi, quindi l’epidemia è fuori controllo perché non si riesce appunto ancora a fare il tracciamento”

I casi, dunque, sono ancora troppi per riuscire a ricomporre la catena dei contagi e questo mantiene alto l’allarme. E, soprattutto, rende l’epidemia non controllabile come si dovrebbe.

Attenzione alle varianti del virus

Un altro importante capitolo riguarda le varianti del virus, che tanto stanno preoccupando e monopolizzando le discussioni sul futuro del Covid.

Rezza ha precisato che, per quanto riguarda la possibilità che il ceppo inglese sia più letale tutto è ancora da certificare. Occhio, però, alla variante brasiliana, che ha causato delle reinfenzioni.

La questione delle variazioni potrebbe, secondo gli esperti, costringere a mantenere più a lungo misure severe. La valutazione è in corso. E questo ulteriore dettaglio ci dice quanto ancora sia incerta la situazione epidemia in Italia.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories