Ipo AppLovin: la società di mobile gaming punta a una valutazione di $30 miliardi

Pierandrea Ferrari

7 Aprile 2021 - 17:35

condividi
Facebook
twitter whatsapp

AppLovin si prepara a lanciare la sua Ipo a Wall Street: si punta ad una valutazione complessiva di 30 miliardi di dollari.

Ipo AppLovin: la società di mobile gaming punta a una valutazione di $30 miliardi

Si avvicina il lancio dell’Ipo di AppLovin, società statunitense attiva nel segmento mobile gaming e nell’assistenza agli sviluppatori di app. Al momento, la data della quotazione e la forbice di prezzo delle azioni non sono ancora state rese note, ma alcune indiscrezioni iniziano già a trapelare: il board sarebbe a caccia di una valutazione da 30 miliardi di dollari e punta a raggranellare nel giorno del battesimo fino a 2,13 miliardi.

Numeri sensibilmente superiori a quelli di tre anni fa, quando all’atto di cessione di una quota minoritaria al fondo di private equity KKR la valutazione della società USA si attestò a poco più di 2 miliardi di dollari.

AppLovin, si avvicina l’esordio a Wall Street

Anche i conti, del resto, sembrano cozzare con le ambizioni dei vertici di AppLovin. Secondo quanto dichiarato dalla società nel prospetto consegnato alla SEC, nel 2020 i ricavi sono cresciuti del 46% fino a 1,45 miliardi, ma l’esercizio è stato chiuso comunque in perdita netta per 126 milioni, contro l’utile da 119 milioni dell’anno precedente.

Insomma, AppLovin al momento non è profittabile, e molto è dovuto alle spese in ricerca e sviluppo, di fatto quadruplicate nel 2020. Poco male, verrebbe da dire, soprattutto guardando a uno dei principali competitor della società, Roblox, che nonostante un anno con perdite in tripla cifra ha infiammato il NYSE nel giorno del debutto, con il prezzo delle azioni schizzato da 45 a 69,5 dollari in poche ore.

AppLovin, ora, proverà a seguire la scia: l’Ipo vede come principali book-runner Morgan Stanley, JP Morgan, KKR, Bank of America e Citigroup, mentre nelle prossime settimane dovrebbe essere svelato il numero di azioni di classe A da piazzare sul mercato, la forbice di prezzo e soprattutto la data dell’offerta pubblica. Il ricavato, ora stimato in 2,13 miliardi, sarà utilizzato dalla società per abbattere il monte debiti e perseguire le proprie finalità strategiche.

Argomenti

# IPO

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories