Interessi legali 2021, nuovo minimo storico: pagare le tasse in ritardo costerà meno

Anna Maria D’Andrea

16/12/2020

13/04/2021 - 09:30

condividi

Calo degli interessi legali per il 2021: il decreto MEF pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 dicembre 2020 fissa allo 0,01% la quota dovuta, un nuovo minimo storico rispetto allo 0,05% del 2020. Pagare le tasse in ritardo beneficiando del ravvedimento sulle sanzioni costerà meno.

Interessi legali 2021, nuovo minimo storico: pagare le tasse in ritardo costerà meno

Interessi legali in riduzione nel 2021: le novità arrivano dal consueto decreto del MEF, con il quale viene aggiornato il tasso di interesse.

Pagare le tasse in ritardo costerà meno nel 2021. Gli interessi legali contribuiscono a far “lievitare” la somma dovuta e si aggiungono alle sanzioni dovute con ravvedimento operoso.

Non solo: dagli affitti fino alle pensioni, la percentuale degli interessi stabiliti dal MEF incide su vari aspetti, e non esclusivamente sull’ambito fiscale.

Dal tasso dello 0,05% per il 2020 si passa allo 0,01% annuo. Un nuovo minimo storico.

Interessi legali in deciso calo nel 2021: meno caro il ravvedimento sulle sanzioni per chi paga in ritardo

La misura del saggio degli interessi legali si riduce bruscamente per il 2021, passando dallo 0,05% allo 0,01%. Un nuovo minimo storico, che segue il ciclo avviatosi dal 2009 in poi, anno in cui il tasso degli interessi legali era sceso dal 3% all’1% con decorrenza dal 2010.

A fissare la misura degli interessi legali dovuti a partire dal 1° gennaio 2021 è il decreto del MEF pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 dicembre 2020. Per i contribuenti si tratta di una buona notizia, in quanto diventerà meno caro pagare tasse ed imposte in ritardo con ravvedimento operoso.

Gli interessi legali incidono però su diversi ambiti, non solo su quello fiscale. Si applicano nel caso di deposito cauzionale sugli affitti, così come sulle pensioni erogate in ritardo da parte dell’INPS, ma anche sui contributi previdenziali versati in ritardo rispetto alla scadenza ordinaria.

A determinare la riduzione degli interessi legali per il 2021 è il rendimento medio annuo dei titoli di Stato di durata non superiore a 12 mesi unito al tasso di inflazione. Il Codice Civile all’articolo 1284 attribuisce al MEF il compito di modificarlo, entro il 15 dicembre di ogni anno.

Decreto MEF 11 dicembre 2020
Modifica del saggio di interesse legale - Gazzetta Ufficiale del 15 dicembre 2020

Interessi legali allo 0,01% nel 2021: nuovo minimo storico. Cosa cambia per chi paga in ritardo

La riduzione del tasso degli interessi legali continua ormai da anni. Basti pensare che dal 2019 al 2020 si è passati dallo 0,8% allo 0,05% annuo.

Il 2021 è l’anno del ribasso record, un minimo storico.

AnnoTasso interessi legali
1997/1998 5%
1999/2000 2,5%
2001 3,5%
2002/2003 3%
2004/2005/2006/2007 2,5%
2008/2009 3%
2010 1%
2011 1,5%
2012/2013 2,5%
2014 1%
2015 0,5%
2016 0,2%
2017 0,1%
2018 0,3%
2019 0,8%
2020 0,05%
2021 0,01%

La nuova e rilevante riduzione incide in maniera importante sui versamenti fiscali tardivi, ma anche sulle rateizzazioni. Facciamo un esempio considerando proprio uno degli adempimenti centrali del mese di dicembre: il versamento dell’IMU.

Nel caso di versamento tardivo, oltre la scadenza del 16 dicembre 2020 ed entro i 30 giorni (ravvedimento operoso a 1/10 della sanzione ridotta al 15%), gli interessi legali dovuti dovranno essere calcolati allo 0,05% fino alla fine del 2020 ed allo 0,01% a partire dal 1° gennaio 2021, dal giorno in cui il versamento avrebbe dovuto essere effettuato a quello in cui viene effettivamente eseguito.

Il beneficio non sarà sicuramente cospicuo, sul singolo versamento, ma incide certamente in misura rilevante sull’intera annualità. Ad esempio, su un debito di 10.000 euro, l’importo complessivo degli interessi legali sarà pari a 1 euro.

Attenzione però: la riduzione degli interessi legali incide anche sulle somme da percepire. Un caso esemplare è quello delle pensioni, e anche l’INPS potrà risparmiare in caso di pagamento in ritardo delle prestazioni dovute.

Iscriviti a Money.it