Il mercato del Forex è manipolato: come?

Flavia Provenzani

23 Maggio 2015 - 20:00

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Ecco come le banche fornitrici di liquidità, le banche centrali e i governi influenza il mercato del forex manipolando i tassi di interesse, il prezzo dell’oro e il mercato azionario.

L’andamento delle valute nel forex trading è correlato soprattutto ai fondamentali sull’economia dei Paesi di riferimento; sono indicatori economici che i vari governi pubblicano, come il PIL, i dati sull’importazione e l’esportazione, le vendite al dettaglio, i prezzi al consumo.

Ma oltre agli indicatori economici - anche detti “market mover” - ci sono vari altri metodi che i trader professionisti utilizzano per cercare di prevedere l’andamento delle coppie valutarie, come monitorare i prezzi dell’oro e dell’argento, per controllare il flusso di denaro che le banche «fornitrici di liquidità» immettono e in quale mercato lo immettono.

I fornitori di liquidità decidono sul flusso di denaro da iniettare nel mercato in totale controllo con il governo.

Infine, i forex trader osservano con attenzione i tassi di interesse su ogni valuta e il differenziale sulle coppie di valute, i tassi di interesse sul prestito, i mercati obbligazionari, il tasso di interesse fisso, che sono sotto il controllo delle banche centrali.

Ma allora, come funziona la manipolazione nel mercato del Forex?

E’ un gioco controllato da tre figure:

  • i fornitori di liquidità,
  • le banche centrali,
  • i Governi.

Ecco quindi quale ruolo hanno le banche centrali e i governi nel mercato del forex.

Le banche centrali controllano i tassi di interesse e manipolano il mercato del Forex
I tassi di interesse indicano, a tutti gli effetti, il prezzo del denaro e come tali sono un segnale fondamentale in ogni mercato.
Quando i tassi sono alti, la banca centrale spinge gli investitori a risparmiare, perché il rendimento è “attraente”.

Tassi di interesse bassi, invece, comportano un costo inferiore del denaro e l’indebitamento è potenzialmente più redditizio rispetto al risparmio.

Prima della seconda Guerra Mondiale, i tassi di interesse erano decisi generalmente dai livelli di domanda e offerta.
Quando le occasioni di investimento sono iniziate ad aumentare e l’offerta di denaro era limitata, la domanda ha iniziato a salire ed anche, di conseguenza, i tassi di interesse.
Gli investitori avevano dunque un’idea di ciò che l’economia chiedeva e il governo generalmente lasciava liberi gli investitori di rispondere a questi segnali.

Quando la Fed ha iniziato a ricoprire un ruolo più importante nell’economia tra gli anni ‘50 e ‘60, ha scelto i Fed Funds Rate come strumento di finanziamento principale, il tasso cui si prestava denaro a breve termine alle banche.

I tassi di interesse a lungo termine (ad esempio sul mercato obbligazionario) sono rimasti liberi di fluttuare secondo l’offerta e la domanda di prestiti. Ma in seguito alla crisi del 2008, la Fed e le altre banche centrali hanno focalizzato la loro attenzione non solo sui tassi a breve termine, ma anche a tutti gli altri tassi, tra cui quelli a lungo termine.

Oggi, la Federal Reserve interviene in modo evidente «attraverso la curva dei rendimenti», spingendo i tassi a breve termine verso lo zero e comprando una quantità di obbligazioni sufficiente a spingere i tassi a lungo termine a livelli storicamente bassi.
Questi interventi hanno influenzato il meccanismo con cui il mercato stabiliva il prezzo secondo la domanda e l’offerta, favorendo l’indebitamento e scoraggiando il risparmio.

L’intera curva dei rendimenti - dai tassi di interesse a breve a quelli a lungo termine - è ora dominata e manipolata dal governo.

Ma come influisce questo sul mercato del forex?

Tassi di interesse e tassi di indebitamento
Mentre i governi erano intente ad abbassare i tassi di interesse, le principali banche del mondo erano impegnate a manipolare il London Interbank Offered Rate (Libor) secondo i propri fini.

Il Libor è il tasso di riferimento per migliaia di miliardi di dollari di prestiti in tutto il mondo. In un vero e proprio scandalo in continua evoluzione, è stato rivelato che le banche responsabili dell’impostazione di questo tasso lo hanno manipolato arbitrariamente per poi speculare sulla conoscenza del movimento del Libor (che le banche conoscevano, dato che lo decidevano), aumentando così i profitti.

Altre banche hanno mentito circa i tassi a cui i prestiti venivano elargiti per apparire meno fragili durante la crisi finanziaria del 2008, fuorviando gli investitori e gli enti di regolamentazione.

Inoltre, nel 2013, le autorità regolatrici degli Stati Uniti, Regno Unito e Svizzera hanno avviato delle indagini su più di una dozzina di grandi banche accusate di aver manipolato i tassi di cambio e aver svolto attività di trading su informazioni interne.

La manipolazione del mercato azionario e gli effetti sul mercato del Forex
I prezzi alti delle azioni, fino a poco tempo fa, sono stati fissati esclusivamente dalle forze di mercato (anche se sono stati influenzati in qualche modo dal controllo della Fed sui tassi a breve termine e le tasse governative).

Se il mercato scendeva o saliva non era generalmente visto come una questione politica, in cui c’era il governo o la banca centrale a mettere pressione.

Ma ora i tassi di interesse, come già detto, sono in parte manipolati per rendere i titoli più interessanti rispetto al detenere semplicemente della liquidità.

E i ripetuti salvataggi delle banche e delle grandi aziende industriali quando il loro fallimento stava minacciando l’economia (e quindi i prezzi delle azioni) sono stati percepiti come un aiuto del governo ai titoli azionari.

L’obiettivo non è quello di ottenere dei prezzi delle azioni più elevati di per sé, ma generare ottimismo tra gli investitori che sono quindi più disposti a prendere in prestito e spendere perché i loro portafogli sono in aumento.

Questo è il cosiddetto «effetto ricchezza», una leva ormai centrale della politica del governo.

I mutui erano convenienti, i prezzi delle case gonfiati per la maggior parte del 20° secolo, e le case sono state acquistate in contanti o con muti a tasso fisso a 30 anni.
E poiché i tassi di interesse a lungo termine non sono stati fissati dalla Fed, il prezzo del denaro con cui acquistare una casa è stato determinato in gran parte dal mercato.

Ma dopo la crisi finanziaria del 2008, quando la Fed ha iniziato a spingere in basso i tassi a lungo termine, i mutui a buon mercato e l’aumento dei prezzi delle case sono diventati obiettivi politici del governo.

La Fed ora acquista titoli garantiti da ipoteca, oltre ai titoli di Stato; entrambi abbasso i tassi dei mutui e portano denaro dentro il mercato dei mutui, lasciando che i mutui per acquistare casa siano più facili da ottenere.

Anche in questo caso, l’aumento dei prezzi delle case sono solo un mezzo per ottenere un effetto ricchezza sul mercato e alimentare la liquidità nel mercato azionario.

La manipolazione del prezzo dell’oro e il mercato del forex
Detenere una certa quantità del metallo prezioso è una forma concorrente rispetto al detenere semplice denaro, e quando il prezzo dell’oro in dollari aumenta si mette in cattiva luce il dollaro stesso.

Così per quasi due decenni, gli Stati Uniti, insieme a diversi altri governi e le loro banche centrali, sono intervenuti sistematicamente sul mercato dell’oro, manipolandolo e spingendo verso il basso il tasso di cambio.

Lo fanno di nascosto immettendo oro della banca centrale sul mercato e spingendo le grandi banche commerciali a vendere una grande quantità di oro nei mercati di negoziazione. Insieme, queste macchinazioni segrete sono riuscite a tenere il tasso di cambio dell’oro molto basso, dove il libero mercato è disincentivato ad investire.

La capacità dell’oro di segnalare ai forex trader che l’inflazione è in aumento e/o che la valuta si sta svalutando è ormai in corto circuito. Di conseguenza, gli investitori che avrebbero potuto convertire una certa valuta in oro non lo stanno facendo.

Ecco quindi che, mettendo in atto questo tipo di manipolazioni, i governi e le banche centrali controllano e influenzano il flusso di denaro in tutto il mondo, manipolando il mercato del forex.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories