IVAFE: ecco come si calcola

Vittoria Patanè

16 Luglio 2013 - 13:15

condividi

L’IVAFE, l’imposta sul valore delle attività finanziare detenute all’estero, si applica sulle persone fisiche residenti in Italia che posseggono conti correnti, libretti di risparmio o attività a sfondo finanziario appunto.

Chi deve pagare?

In particolare, fa sapere l’Agenzia delle Entrate, essa è dovuta qualora il soggetto detenga:

  • partecipazioni al capitale o al patrimonio di soggetti residenti o non residenti, obbligazioni italiane o estere e i titoli similari, titoli pubblici italiani e i titoli equiparati emessi in Italia o all’estero, titoli non rappresentativi di merce e certificati di massa (comprese le quote di Oicr), valute estere, depositi e conti correnti bancari costituiti all’estero indipendentemente dalle modalità di alimentazione, contratti di natura finanziaria stipulati con controparti non residenti, nonché polizze di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione stipulate con compagnie di assicurazione estere;
  • contratti derivati e altri rapporti finanziari stipulati al di fuori del territorio dello Stato;
  • metalli preziosi allo stato grezzo o monetato;
  • diritti all’acquisto o alla sottoscrizione di azioni estere o strumenti finanziari assimilati;
  • ogni altra attività da cui possono derivare redditi di capitale o redditi diversi di natura finanziaria di fonte estera.
  • Si considerano attività possedute all’estero anche le attività finanziarie detenute, per esempio, in cassette di sicurezza all’estero o tramite intermediari non residenti. Le stock option, invece, sono soggetti all’imposta solo nel caso in cui siano cedibili.

Quanto si deve pagare?

Chiunque possieda conti correnti o libretti di risparmio all’estero dovrà pagare 34,20 euro per ciascuno di essi, rapportando l’IVAFE alla quota e al periodo di possesso.
Se però il valore medio annuo di giacenza è inferiore a 5.000 euro, il contribuente non dovrà versare l’imposta.

Basandoci sulle indicazioni contenute nella circolare 48/E del 2012, il suddetto valore medio si calcola attraverso la somma dei saldi giornalieri e dividendo poi il risultato per il numero dei giorni di detenzione del rapporto.

Qualora il soggetto detenesse più conti correnti o più libretti presso lo stesso intermediario dovrà valutare la giacenza media di ogni singolo rapporto per il periodo di detenzione e la quota di detenzione (quest’ultima solo in caso di conti cointestati con persone terze) e sommare le giacenze medie senza tener conto dei conti in giacenza negativa.

Sanzioni

Consigliamo la massima attenzione poiché, le sanzioni previste per l’IVAFE vanno dal 100% al 200% dell’imposta evasa e sono inoltre maggiorate di 1/3, poiché si tratta appunto di attività detenute all’estero.

Iscriviti a Money.it