ISA 2019: che fine ha fatto il software di controllo?

Software di controllo ISA 2019, che fine hanno fatto i moduli necessari per chiudere ufficialmente la dichiarazione dei redditi? I ritardi dell’Agenzia delle Entrate rendono sempre più complesso l’adeguamento agli indici sintetici di affidabilità fiscale.

ISA 2019: che fine ha fatto il software di controllo?

Il software di controllo degli ISA 2019 tarda ad arrivare e così, per imprese, professionisti ed intermediari alle prese con la dichiarazione dei redditi non resta che attendere.

Sarà tutt’altro che semplice gestire gli adempimenti del mese di agosto, concentrati tutti dal giorno 20 in poi, ed approcciarsi a quelli ancor più impegnativi previsti a settembre.

Mentre chi può si gode gli ultimi giorni delle vacanze estive, per i tanti intermediari rientrati in studio le sorprese che riguardano gli ISA 2019 non si fermano alla mancanza del software di controllo, ma anche alle nuove modifiche pubblicate in Gazzetta Ufficiale sui dati delle variabili precalcolate.

La conseguenza è che il calcolo del punteggio dell’imprenditore e del “voto in pagella” determinante per l’accesso ai benefici fiscali o per l’inserimento nelle liste dei contribuenti a rischio sarà da rifare.

Per il software di controllo bisognerà invece attendere ancora e da alcuni dei principali gestionali privati arriva chiaramente il messaggio che dall’Agenzia delle Entrate non sono ancora stati messi a disposizione i moduli per l’aggiornamento dei programmi.

ISA 2019 ancora senza software di controllo

Ad oggi non risulta ancora disponibile il software di controllo degli ISA 2019, con la conseguenza che non è di fatto possibile trasmettere la dichiarazione dei redditi.

Il problema riguarda sia i contribuenti che utilizzano i software gratuiti dell’Agenzia delle Entrate che chi - la maggior parte - si avvale di programmi gestionali privati.

A segnalare il ritardo dell’Agenzia delle Entrate sono proprio le diverse case produttrici dei software utilizzati dagli studi dei professionisti. Negli ultimi giorni sono stati pubblicati diversi alert per informare i contribuenti che il modulo di controllo relativo al modello ISA non è ancora stato distribuito.

Il compito di predisporre ed elaborare il software di controllo ricade ancora una volta su Sogei, partner tecnologico dell’Agenzia delle Entrate già più volte nell’occhio del ciclone non solo per ritardi, ma anche per errori e bug nei programmi di supporto predisposti.

Sul sito di Sogei sono individuate in maniera puntuale le fasi del progetto che impegna l’azienda nel supporto all’Agenzia delle Entrate. Come ultimo punto della seconda fase figura la predisposizione del software di controllo ed invio telematico degli ISA per l’anno d’imposta. A precederlo è il software Il tuo ISA, già nel mirino di molte critiche per via di diversi errori ed incongruenze segnalati da imprese ed intermediari.

A scanso di modifiche, quindi, la pubblicazione del software di controllo degli ISA 2019 dovrebbe essere il prossimo passo. Ulteriori ritardi potrebbero però accumularsi a causa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto MEF avente ad oggetto le modifiche ai dati delle variabili precalcolate.

Calcolo ISA 2019 da rifare

La mancanza dei moduli di controllo degli ISA 2019 è un problema che passa in secondo piano rispetto alle modifiche previste dal decreto MEF sulle variabili precalcolate dall’Agenzia delle Entrate.

La pubblicazione del nuovo allegato 1 in Gazzetta Ufficiale del 17 agosto 2019 dovrà essere necessariamente seguita da un nuovo aggiornamento del software di calcolo dell’Agenzia delle Entrate, espressamente richiesto dal decreto.

Si tratterebbe del sesto aggiornamento a partire da giugno, mese in cui è stato messo a disposizione il programma Il tuo ISA 2019, necessario per determinare il punteggio di affidabilità fiscale del contribuente. Tra l’altro la modifica alle variabili precalcolate potrebbe comportare anche la necessità di scaricare nuovamente il file degli ISA precompilati all’interno del Cassetto Fiscale del contribuente.

Modifiche continue, calcoli sballati e novità tutt’altro che rassicuranti. A causa della gestione tutt’altro che ottimale dell’avvio degli ISA 2019 settembre si preannuncia essere un mese impegnativo per professionisti ed imprese.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Studi di Settore

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.