I titoli di Stato peggiori d’Europa sono i migliori al mondo ad ottobre

Flavia Provenzani

31 Ottobre 2016 - 08:58

condividi

I titoli di stato del Portogallo finalmente danno rendimento dagli investitori. Il paese mantiene l’investment grade, ma è cambiato veramente qualcosa?

I titoli di Stato peggiori d'Europa sono i migliori al mondo ad ottobre

Le obbligazioni peggiori d’Europa stanno recuperando.
Il Portogallo è l’ultimo in termini di tempo nel 2016, ma il suo debito sovrano ha dato finalmente un ritorno agli investitori più alto che qualsiasi altro paese del mondo sviluppato ad ottobre, secondo gli indici obbligazionari di Bloomberg.

Il guadagno dello 0,5 per cento si distingue a fronte di nuove discese registrate altrove, con il bund in perdita del 2,2 per cento nel suo mese peggiore da giugno 2012.

Nonostante permangano i rischi politici - con il Portogallo impegnato a ridurre l’indebitamento e aggiustare il bilancio - la paura che il paese potesse perdere il suo unico rating da investment grade si è dissolta dopo che la DBRS Ltd. lo ha mantenuto invariato.
Gli investitori sono più sicuri in un mercato che è stato un proxy degli effetti persistenti della crisi del debito europeo, i suoi bond sono stati martellati durante la crisi globale a inizio anno, pur avendo come sfondo il programma di acquisto di asset della Banca Centrale Europea.

«È un recupero dopo un anno molto brutto»,

ha commentato Ciaran O’Hagan, capo della strategia sui tassi europei presso Societe Generale.

«La cosa peggiore che potrebbe accadere ora è ricevere un outlook negativo, quindi non ci sarà alcun declassamento per almeno un anno, e forse più a lungo. Questa è una buona notizia per chi acquista in Portogallo».

I titoli di stato del Portogallo sono saliti dopo che la DBRS ha annunciato il 21 ottobre la sua decisione di mantenere il rating sul credito del paese a BBB, l’investment grade più basso disponibile, che però permette che i titoli rimangano ammissibili per il quantitative easing della BCE. Le tre società di rating principali considerano invece le obbligazioni portoghesi spazzatura.

Il premio sui titoli a 10 anni rispetto ai benchmark tedeschi è sceso al livello più basso in un mese lo scorso giovedì. Nonostante i rendimenti siano tornati a crescere al 3,3 per cento, sono ancora quasi 30 punti base in ribasso rispetto a tre settimane fa. Nell’asta dei titoli quinquennali di mercoledì scorso, il costo di finanziamento del Portogallo è diminuito, con i titoli di stato emessi a scadenza aprile 2021 per un rendimento dell’1,751 per cento.

Eppure ottobre è anche il mese in cui il governo portoghese ha tagliato le sue prospettive di crescita e ha detto che il deficit di bilancio e il rapporto del debito del paese sarà più alto di quanto previsto in precedenza.
L’economia crescerà dell’1,2 per cento nel 2016, inferiore alla stima di aprile. Il deficit sarà al 2,4 per cento nel 2016, più alto rispetto al target al 2,2 per cento annunciato in precedenza, anche se ancora entro i limiti stabiliti dalla Commissione Europea. Il debito si prevede in aumento al 129,7 per cento del Prodotto Interno Lordo quest’anno - dal 129 per cento del 2015.

«Il mercato aveva assegnato un impatto elevato rischio sulla decisione della DBRS ed ora è diminuito per il momento»,

ha detto Kim Liu, strategist sul fixed-income alla ABN Amro Bank. L’analista si aspetta che i titoli di stato portoghesi continuino il loro recupero.

«Ma i fondamenti e la posizione relativamente debole del governo non è cambiata. Il Portogallo sta ancora affrontando la pressione proveniente dal debito alto, una bassa crescita e dal settore bancario vulnerabile».

Iscriviti a Money.it